Zaia fa un passo indietro sulle candidature: «Ci sono casi e casi, prima devo parlare con loro»

Nei giorni precedenti aveva annunciato la cancellazione dalle liste dei consiglieri che hanno chiesto e ottenuto il bonus Covid. Oggi il dietrofront

12/08/2020 di Enzo Boldi

Zaia

Dopo aver ostentato sicurezza e pugno duro, oggi Luca Zaia ha fatto un mezzo passo indietro sul caso dei consiglieri leghisti in Veneto che hanno chiesto e ottenuto il bonus Covid da 600 euro riservato ai lavoratori autonomi e alle Partite Iva. Lunedì e martedì, infatti, il Presidente veneto aveva annunciato la non candidatura – alle elezioni Regionali in programma il prossimo 20 e 21 settembre – degli esponenti coinvolti in questa vicenda che ha indignato l’Italia intera, seguendo la linea definita anche dal Carroccio a livello nazionale. Oggi spiega che prima di prendere una decisione definitiva vorrà confrontarsi con le tre persone in questione, spiegando che ci sono «casi e casi».

LEGGI ANCHE > Il vice di Zaia alla Regione Veneto che ha scoperto di aver richiesto il bonus Covid «senza saperlo»

Quel vecchio ‘celodurismo’ leghista appare, oggi, ammorbidito rispetto agli scorsi giorni. Nelle prossime ore, prima di una decisione ufficiale, Luca Zaia incontrerà i consiglieri veneti Riccardo Barbisan ed Alessandro Montagnoli per ascoltare le loro giustificazioni (già rese pubbliche nei giorni scorsi attraverso interviste e post social). Stesso discorso, ma con una delicatezza ben differente, vale per il suo vice Gianluca Forcolin.

Zaia e quel «ci sono casi e casi»

E l’indicazione dei «casi e casi» viene fornita dallo stesso Luca Zaia, a margine di un evento con la Protezione Civile a Marghera: «Ricordo di essere stato il primo a portare la questione a livello nazionale. Io ritengo che sia fondamentale la chiarezza e occorre bisogna avere sempre la schiena diritta. Stiamo parlando di scelte che non sono state illegali, ma il tema è quello dell’opportunità. Noi abbiamo tre casi molto differenti tra loro: due consiglieri hanno chiesto il bonus e lo hanno ottenuto, prima di documentare la loro beneficenza; poi c’è quello del vice presidente, che è socio di minoranza di uno studio associato che ha presentato domande per i soci e i clienti».

(foto di copertina: da pagina Facebook di Gianluca Forcolin)

Share this article