Maurizio Costanzo contro il ‘diseducativo’ GF Vip: «Chiudete il programma»

di Enzo Boldi | 18/02/2020

GF Vip

Da una parte ci sono gli ascolti che, seppur in calo rispetto alle precedenti edizioni (soprattutto le prime) confermano l’interesse voyeuristico del popolo italiano nei confronti della famosa casa del Grande Fratello. Dall’altro ci sono una serie di messaggi, a tratti diseducativi – come il caso di Salvo Veneziano all’inizio di questo GF Vip, poi giustamente espulso – che devono far riflettere. Ma la misura, dopo una serie interminabile di eventi, sembra esser colma e un gotha della televisione italiana come Maurizio Costanzo chiede addirittura la chiusura del programma.

LEGGI ANCHE > Antonella Elia scopre il vaso di Pandora sul GF Vip in merito all’equilibrio tra ascolti e soldi offerti

«Non intrattiene, non rilassa, non fa pensare. E diventa teatro per comportamenti che rischiano di dare un pessimo esempio. Chiudiamo il programma, così risolviamo il problema una volta per tutte – ha detto Maurizio Costanzo nella sua intervista rilasciata al settimanale Nuovo Tv -. Il Grande Fratello è un programma che riserva spesso uno spettacolo indecente a causa del comportamento di certi personaggi». Insomma, gli ultimi eventi sono la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Maurizio Costanzo chiede la chiusura del GF Vip

E la posizione del giornalista è coerente con quanto dichiarato già in passato, sia sul GF Vip che su quello dedicato a protagonisti ignoti al grande pubblico. Anni fa Maurizio Costanzo ne parlò come di una vera e propria discarica, paragonando (a mo’ di iperbole) il reality a ‘La finestra sul cortile’. A differenza del grande film di Alfred Hitchcock, però, il Grande Fratello era una vista su una discarica.

Gli ascolti e la finestra sulla discarica

Ora, dopo tutto quello che è accaduto e sta accadendo anche in questa edizione del GF Vip, i nodi vengono al pettine e Maurizio Costanzo chiede ad Alfonso Signorini di staccare la spina elettrica che tiene in vita questo teatrino televisivo. Ma gli ascolti, seppur in calo, continuano a premiare questo tipo di intrattenimento.

(foto di copertina: frame video da Rai 1)