Gasparri ironizza: «Il M5S dice cose strampalate gratis. Non certo a pagamento»

di Enzo Boldi | 15/06/2020

Gasparri

Maurizio Gasparri non crede alla notizia diffusa oggi dal quotidiano spagnolo ABC sui presunti finanziamenti del Venezuela di Hugo Chávez (era il 2010) al Movimento 5 Stelle. O, almeno, usa grande ironia per definirsi garantista e innocentista. Il senatore di Forza Italia – e vicepresidente di Palazzo Madama – sostiene, per esempio, che i pentastellati siano stati, spesso e volentieri, cantori di tesi definite strampalate. Ma lui di dice sicuro: lo fanno gratis, non a pagamento.

LEGGI ANCHE > Vito Crimi definisce la notizia del finanziamento al M5S dal Venezuela una «ridicola fake news»

«Da convinti garantisti urliamo: giù le mani dal valoroso e onestissimo popolo grillino – ha detto Maurizio Gasparri con una diretta Facebook sulla propria pagina ufficiale -. Ma come si fa ad ipotizzare che il Venezuela di Chavez abbia finanziato con 3,5 milioni di euro in contanti Gianroberto Casaleggio e il movimento grillino, trovandone apprezzabili le posizioni filo-Chavez e filo-Venezuela?».

Insomma, il senatore di Forza Italia sembra non crederci, nonostante la notizia sia stata pubblicata da un importante giornale straniero: «Fanno nomi e cognomi di chi avrebbe portato in una valigetta diplomatica l’ingente cifra in contanti agli esponenti grillini. Ma come si fa a dire una cosa del genere su un movimento onesto, incorruttibile, trasparente (tranne qualche piccola eccezione che causa liti interne) come non ne sono mai esistiti sulla faccia della terra?».

Gasparri e la questione M5S-Venezuela

«Sì, abbiamo letto le posizioni filo-Chavez e filo-dittatura di molti esponenti grillini. Abbiamo letto dei viaggi in Venezuela. Abbiamo letto delle posizioni dell’attuale sottosegretario Di Stefano – ha detto ancora Gasparri -. Ma i grillini le tesi strampalate e assurde le sostengono gratis, per spontanea convinzione. Non certo a pagamento. Figuriamoci se possono avere ricevuto 3,5 milioni di euro».

«Viva Chavez, onore a Fidel»

L’ironia è il fil rouge dell’intera diretta social: «Giù le mani dal valoroso popolo grillino. Qualcuno dal Venezuela, nonostante gli elogi e gli appoggi ottenuti dai cinque stelle, vuole forse rovinarne l’immagine diffondendo notizie false e polpette avvelenate? Non lo sappiamo ma certamente qualche magistrato integerrimo, qualche Di Matteo di turno, sventerà la manovra e troverà i colpevoli. Hasta la victoria. Viva Chavez, onore a Fidel».

(foto di copertina: da pagina Facebook di Maurizio Gasparri)