Conte alla Camera: «Ora è il momento di agire, sarà la storia a dire se siamo all’altezza»

di Ilaria Roncone | 25/03/2020

  • Conte afferma che sarà la storia a giudicare e che ci sarà tempo per valutare l'operato del governo

  • Ora è tempo di agire velocemente

  • Ringrazia medici e infermieri e ricorda le vittime

Giuseppe Conte ha parlato per la prima volta in Aula, precisamente alla Camera, da quando è esplosa l’emergenza coronavirus. Durante l’intervento in Aula sono chiamati a parlare anche altri esponenti politici di spicco, come Giorgia Meloni per Fratelli d’Italia, e quasi tutti i capigruppo. La sola eccezione sarà la Lega, che ha scelto di affidare l’intervento al deputato Guido Guidesi, il primo tra i politici a ritrovarsi in quarantena dato che al momento della dichiarazione di Codogno zona rossa si trovava proprio lì.

LEGGI ANCHE >>> Secondo l’Oms, in Italia il picco da contagi potrebbe essere raggiunto entro domenica

Per Conte che ci sarà tempo per giudicare l’operato, ora è il momento di agire

Nell’intervento di Giuseppe Conte spiccano senza dubbio le parole relative alle critiche che riceve ogni giorno da quando l’emergenza è iniziata. C’è chi dice che la situazione viene gestita bene, chi dice che potrebbe fare meglio e chi dice che invece l’emergenza viene gestita in modo sbagliato. Conte ha risposto a tutti: «Il Governo ha agito con la massima speditezza, la storia dirà se siamo all’altezza. Verranno i bilanci, oggi è tempo della responsabilità e dell’azione, non si fugge».

Al ricordo delle vittime del coronavirus l’applauso è unanime

Conte ha definito il coronavirus una prova durissima che ci obbliga a «confrontarci con nuove abitudini di vita». «Non avrei mai immaginato di vedere sfilare autocarri dell’Esercito con le bare. Sono giorni terribili, commossa vicinanza ai familiari delle vittime», ha cominciato, sollevando un applauso unanime di tutti i presenti, che si sono alzati in piedi nel momento stesso in cui ha ricordo le vittime del Covid-19. Previsto anche l’intervento di un rappresentante per ogni gruppo in un aula in cui sono presenti un sesto dei deputati perché tutti possano mantenere la distanza di sicurezza.

Il ringraziamento di conte a medici e infermieri

Un grazie sentito da parte del premier «agli sforzi straordinari di medici e infermieri, l’epidemia ha scatenato una crisi senza precedenti per l’Italia e la Ue, con un impatto negativo che coinvolge tutti i settori». E chiaramente Conte ha affermato che «non ci dimenticheremo di voi», rivolgendosi a un’infermiera che gli ha inviato una lettera chiedendo che tutti gli sforzi del personale sanitario non siano scordati. Esprime anche vicinanza «ai familiari di quei cittadini che vediamo sfilare nelle bare» in questo momento, sottolineando come «ogni giorno siamo costretti a registrare nuovi decessi, è un dolore immenso a cui non avremmo mai pensato».

(Immagine copertina dalla diretta alla Camera)