Milan-Lazio, Bakayoko e Kessié provocano Acerbi portando la sua maglia sotto la curva 

di Gaia Mellone | 14/04/2019

Milan-Lazio, Bakayoko e Kessié provocano Acerbi portando la sua maglia sotto la curva 
  • Tra Acerbi e Bakayoko botta e risposta sui social durante la settimana

  • Per sedare gli animi, alla fine della partita Acerbi si è scambiato la maglietta con Bakayoko

  • Ilmilanista insieme a Kessié l'ha portata come un trofeo sotto la curva rossonera

Dopo le provocazioni sui social, anche la provocazione in campo. La speranza è che quello andato in scena alfine di Milan-Lazio sia l’ultimo capitolo dei battibecchi tra Tiémoué Bakayoko e Francesco Acerbi.

LEGGI ANCHE > Milan, conti in rosso e futuro in nero. Arriva una nuova indagine della Uefa sul Fair Play Finanziario

Bakayoko e Acerbi, le frecciatine via social in settimana

Ad aprire la diatriba tra in due in vista della partita a San Siro, un tweet del laziale Francesco Acerbi. «Siamo più forti del Milan – aveva detto – A livello di singoli non c’è paragone». Immediata era stata la risposta del centrocampista rossonero. «Ok Acerbi, ci vediamo sabato! ha twittato Tiémoué Bakayoko. A quel punto lo stesso difensore biancocelesti aveva cercato di raffreddare gli animi: «Non mi interessano le parole, non volevo mancare di rispetto a nessuno! – ha scritto Acerbi su twitter, mostrando l’immagine del Leone e del numero 33 –  Il calcio regala queste sfide che si trasformano in emozioni, il calcio è solo un gioco ma è quello più bello del mondo»

Bakayoko e Kessié provocano Acerbi portando la sua maglia sotto la curva

Il botta e risposta via social evidentemente non era stato abbastanza. Alla fine della partita, vinta dal Milan1-0, Bakayoko e il compagno di squadra Franck Kessié si sono avvicinati alla curva sventolando la maglia di Francesco Acerbi. Il laziale si era avvicinato a Bakayoko proprio per chiarire la vicenda e scambiarsi le maglie in segno di pace, che il centrocampista rossonero aveva mostrato come un prezioso bottino alla curva milanista. Uno sfotto che però al biancocelesti non è andato giù.

Dalle condanne alle scuse : «Era solo uno scherzo»

Acerbi ha condiviso l’immagine su Instagram, dicendo di essere molto dispiaciuto «perché ho scambiato la maglia per mettere fine alla questione, fomentare odio non è sport ma un segno di debolezza». Tra i commenti spicca quello del compagno di squadra Ciro Immobile: «Due piccoli “uomini” che mostrano la maglia di un campione sia in campo che nella vita…sei un grande Leone non ci pensare». La condanna del gesto però è arrivata anche dall’allenatore Francesco Gattuso che, parlando con la stampa alla fine della partita in merito all’espidosio, ha dichiarato «L’ho visto e dobbiamo chiedere scusa. È arrivato il momento che si smetta di smanettare e che ci si concentri di più negli allenamenti. Dobbiamo chiedere scusa perché queste cose non si fanno». E dopo poche ore infatti, sono arrivate le scuse dei due rossoneri. «Il mio è stato un gesto scherzoso – scrive su Twitter Bakayoko -Non volevo mancare di rispetto a nessuno. Chiedo scusa a Acerbi Francesco @Acerbi_Fra se si è sentito offeso. . Sulla stessa linea anche il post Instagram di Kessié: «Orgoglioso di indossare questa maglia…di questi tifosi…di questa società – scrive nella didascalia con tanto su cuoricini rossi e neri –  Le mie scuse più sincere a Francesco Acerbi Volevo semplicemente scherzare, niente di più. Massimo rispetto per tutti. #SanSiro #MilanLazio».

(credits immagine di copertina: ANSA / MATTEO BAZZI)