Salvini mostra il volto dell’uomo che ha ucciso il carabiniere a Cagnano Varano

di Redazione | 13/04/2019

Matteo Salvini

L’Ansa aveva diffuso la foto dell’arresto dell’uomo che ha ucciso il 47enne maresciallo dei Carabinieri Vincenzo Carlo Di Gennaro e l’aveva messa a disposizione delle testate. La maggior parte delle testate (compresa la nostra) ha scelto di pubblicare l’immagine con il volto oscurato. Matteo Salvini, ministro dell’Interno, ha invece pubblicato sui social network le sequenze dell’arresto senza filtri. Anzi, addirittura ingrandendo al stessa fotografia in modo tale da rendere ancor più riconoscibile l’autore del terribile gesto a Cagnano Varano, in provincia di Foggia.

LEGGI ANCHE > Morto il carabiniere colpito in piazza a Cagnano Varano, Salvini: «Preghiera per Vincenzo»

Matteo Salvini diffonde l’immagine del volto dell’assassino del carabiniere

«Io sono contro la pena di morte – ha scritto Matteo Salvini -, ma un infame che ammazza un uomo, un Carabiniere, che sta facendo il suo lavoro, non merita di uscire di galera fino alla fine dei suoi giorni».

Ovviamente, è facile intuire il tenore dei commenti sotto la foto e sotto un post del genere, soprattutto in seguito all’unanime indignazione del Paese per il gesto dell’uomo che ha ucciso un rappresentante delle Forze dell’Ordine in servizio, mentre stava facendo il proprio dovere per tutelare i cittadini.

La minaccia dell’assassino ai Carabinieri

L’autore del gesto è un 67enne che già in passato aveva avuto contrasti con le autorità: alcuni giorni fa, infatti aveva ricevuto una perquisizione per droga e aveva minacciato di morte i carabinieri che l’avevano eseguita: «Ve la farò pagare – avrebbe detto -, vi sparo». Circostanza che puntualmente si è verificata nella giornata di oggi.

Tuttavia, anche la scelta del ministro di pubblicare la sua immagine su una pagina Facebook da più di tre milioni di followers ha fatto discutere. Il gesto, in qualche modo, ricorda la sovraesposizione mediatica di Cesare Battisti nel giorno del suo arrivo in Italia, con un video celebrativo pubblicato dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.