M5S, crisi nera a Roma: sfiduciato anche il presidente del Municipio XI

di Gianmichele Laino | 09/04/2019

Municipio XI

Crisi, profondissima crisi per il Movimento 5 Stelle a Roma a tre anni dall’inizio della legislatura di Virginia Raggi. Nel Municipio XI, quello del quartiere Portuense, è stata appena approvata la mozione di sfiducia per il minisindaco Mario Torelli. Si tratta del terzo presidente di municipio del Movimento 5 Stelle a ricevere questo trattamento.

LEGGI ANCHE > Il Movimento 5 stelle e lo sgombero dei centri sociali a Roma

Municipio XI, sfiduciato il minisindaco M5S Mario Torelli

Il Movimento ha perso progressivamente la maggioranza all’interno anche di questo mini-consiglio di municipio. Dopo le defezioni di Mirko Marsella, Gianluca Martone e Maria Cristina Restivo (tutti e tre passati in partiti di sinistra), il colpo di grazia al Movimento 5 Stelle locale è stato dato da Francesca Sappia, che ha iniziato a manifestare il proprio dissenso sulla questione dei lavori pubblici. È stata lei ad aggiungersi alle passate defezioni all’interno del partito, reo – secondo i fuoriusciti del Movimento – di aver smesso di ascoltare i bisogni della gente. In questo modo, ad esempio, era stata bocciata la realizzazione di una corsia preferenziale sulla Portuense e, successivamente, si era arrivati alla raccolta delle firme per la sfiducia del presidente di Municipio.

La sfiducia al Municipio XI, dopo quella nel III e nel VIII

La seduta che ha visto la sfiducia di Mario Torelli era stata molto partecipata. Non soltanto erano presenti in blocco l’ex maggioranza e le opposizioni del Municipio XI. Ad assistere alla seduta, infatti, c’erano anche diversi esponenti nazionali dei partiti, tra cui il deputato del Partito Democratico Luciano Nobili. Si chiude così la terza esperienza grillina a Roma, dopo che i pentastellati avevano conquistato la maggioranza in tredici municipi su quindici.

Si ripete dunque la storia dei municipi III e VIII. Probabilmente, Virginia Raggi assegnerà la gestione commissariata al comune allo stesso Mario Torelli, prima di andare a nuove elezioni, che si svolgeranno molto probabilmente nella primavera del 2020, prima data utile per il rinnovo del consiglio.

[Mario Torelli con Virginia Raggi, foto dalla sua pagina Facebook]