Le foto bufala di Matteo Salvini con la felpa No Tav

di Redazione | 11/03/2019

Salvini Felpa no Tav

Matteo Salvini non ha mai cambiato idea sulla Tav. Il ministro dell’Interno si sta battendo in maniera molto decisa con l’alleato di governo del Movimento 5 Stelle per dare il via libera all’opera. I pentastellati, infatti, stanno prendendo tempo per provare a rinviare o a cancellare del tutto il progetto dell’infrastruttura, in virtù dell’analisi costi-benefici pubblicata dal ministero dei Trasporti e da anni di lotte in tal senso. Per questo motivo, tutte le fotografie che si stanno diffondendo sui social network nell’ultimo periodo di Salvini con felpe o cartelli No Tav non sono veritiere.

Salvini felpa no Tav: è una bufala

Alcune pagine Facebook – tra queste si segnala molto attiva la pagina Italia senza Renzusconi – stanno diffondendo immagini di Matteo Salvini con la felpa o con un cartello No Tav. Questo a voler indicare una presunta giravolta del ministro dell’Interno sull’infrastruttura, con il solo scopo di remare contro l’attuale esecutivo di cui, del resto, fa parte.

Il fact checking di David Puente per Open, tuttavia, ha dimostrato come queste foto siano in realtà dei fotomontaggi creati ad arte. Nel primo caso, Matteo Salvini veniva mostrato con un cartello con la scritta No Tav nel caratteristico studio di Porta a Porta condotto da Bruno Vespa. Ovviamente, nella puntata dei cartelli, quella in cui Matteo Salvini si era presentato in trasmissione per mettere nero su bianco alcuni punti della sua attività di governo, il ministro dell’Interno non ha mai mostrato in favor di camera il cartello con la scritta No Tav. Dopo la segnalazione di Open, la pagina ha rimosso il contenuto che – come si può immaginare – era diventato virale.

Le foto con Salvini felpa No Tav che stanno girando sui social network

Tuttavia, nella giornata di oggi, la stessa pagina ha proposto un nuovo contenuto. Questa volta si tratta di una fotografia, anche abbastanza sgranata, che risale al 2015. La foto, tuttavia, è stata ritoccata perché, come verificato da Puente, nella data in cui era stata scattata, Matteo Salvini indossava sì una felpa, ma con la scritta ‘Veneto’ in verde.

Anche questa foto è stata condivisa più volte. Perciò non è corretto affermare che in passato, almeno non in circostanze pubbliche, Matteo Salvini si sia schierato contro la realizzazione dell’alta velocità Torino-Lione. La Lega, infatti, aveva avuto originariamente posizioni No Tav, sul finire degli anni Novanta. Dai primi anni 2000 in poi, tuttavia, il partito dei governatori del nord – ancora guidato da Umberto Bossi – optò per una scelta di campo abbastanza netta nei confronti della Tav, appoggiando la costruzione dell’opera e schierandosi contro le proteste che stavano animando la Val di Susa.