Milano, accoltella due persone in stazione: arrestato

di Redazione | 08/03/2019

accoltellamento Milano
  • Accoltellamento alla stazione di Milano

  • Un uomo ha ferito un 21enne e un 31enne, causando loro ferite da arma da taglio

  • Nessun collegamento con il terrorismo

L’episodio si sarebbe verificato poco prima delle 7 di mattina, nella stazione di Milano. Un uomo di 33 anni, di origini libiche, avrebbe accoltellato senza una ragione apparente, due ragazzi di origini africane: si tratta di un 21enne del Gambia e di un 31enne della Costa d’Avorio. Questi ultimi si trovavano all’interno di uno spogliatoio di un ristorante dell’area, quando sono stati aggrediti dal 33enne. Entrambi sono riusciti a uscire e ad avvisare le autorità.

LEGGI ANCHE > Mada Kabobo: il picconatore e il lato oscuro della follia

Accoltellamento Milano, scene di panico in stazione

In poco tempo, l’uomo aveva già scatenato il panico nel piazzale della stazione, cercando di aggredire altri passanti a caso. L’uomo originario della Libia avrebbe colpito prima alla spalla il gambiano mentre prelevava a un bancomat, poi avrebbe ferito l’ivoriano alle mani causandogli lesioni ai tendini: per quest’ultimo – dopo i soccorsi in ospedale – è stata stabilita una prognosi di circa 50 giorni, dopo che sarà sottoposto a un intervento chirurgico nella clinica Città Studi.

In questa fase della colluttazione, l’uomo armato di coltello ha perso l’oggetto contundente e ha permesso a carabinieri e vigilantes di intervenire per bloccarlo. Ovviamente, le autorità hanno subito parlato di un caso isolato, in alcun modo riconducibile ad atti di terrorismo. La paura per i passanti che si trovavano in stazione a Milano alle 7 di questa mattina, tuttavia, è stata tanta.

FOTO: ANSA / MATTEO BAZZI

TAG: Milano