Dino Giarrusso ha mandato a quel paese l’operaio del Sulcis Antonello Pirotto | VIDEO

di Gianmichele Laino | 01/03/2019

Dino Giarrusso
  • Dino Giarrusso e Antonello Pirotto erano ospiti di Popolo sovrano

  • L'operaio parlava dei problemi della Sardegna in maniera appassionata

  • Il comunicatore M5S lo ha mandato al diavolo

Le elezioni in Sardegna sono alle spalle, ma evidentemente fanno ancora male al Movimento 5 Stelle. Ieri sera, nel corso della trasmissione Popolo Sovrano in onda su Raidue, è stato invitato a parlare un operaio del Sulcis, Antonello Pirotto, storico promotore delle battaglie di questo territorio abbandonato dallo Stato. In studio, insieme a lui, c’era anche il comunicatore del Movimento 5 Stelle Dino Giarrusso, candidato alle elezioni politiche, non eletto e ora nello staff del viceministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti.

LEGGI ANCHE > Dino Giarrusso, dalla difesa di Salvini a quella di Grillo: «E allora Ultimo Tango a Parigi?»

Dino Giarrusso manda al diavolo un operaio del Sulcis, il video

I due hanno avuto un battibecco e un confronto molto serrato che ha portato lo stesso Giarrusso a perdere la pazienza. Incalzato dalle accuse dell’operaio del Sulcis – che spesso gli ha tolto la parola impedendogli di chiudere un concetto – prima ha minacciato di andarsene via dalla trasmissione e poi lo ha palesemente mandato «al diavolo», perdendo il self control e utilizzando un’espressione infelice per una persona che, in quella sede, rappresentava uno dei due partiti che si trovano al governo.

Chi è Antonello Pirotto, l’operaio che si è scontrato con Giarrusso a Popolo Sovrano

Antonello Pirotto, 56 anni, è uno dei leader sindacali di Euralluminauna delle aziende del Sulcis che ha attraversato momenti di grave difficoltà. Da oltre dieci anni porta avanti una battaglia sia in seno alla propria azienda, sia per tutelare tutto il territorio. Lo ha ricordato anche nel corso della trasmissione Popolo Sovrano: «Forse – ha detto Pirotto rivolgendosi a Giarrusso – quando io ho iniziato questa battaglia, lei ancora stava studiando». Non senza ironia, l’ex Iena Giarrusso ha replicato: «Forse non sembra, ma io ho iniziato a studiare da 20 anni». La replica dell’operaio, allora, è ancora più veemente: «E io ho iniziato a lavorare in fabbrica da 40 anni!».

Successivamente, al termine di un alterco andato avanti per tre minuti buoni, Giarrusso ha provato a prendere le difese del Sulcis e della Sardegna, dicendo che i governi precedenti avevano dimenticato questa zona. Una rivendicazione tipica dei rappresentanti del Movimento 5 Stelle. Forse anche per questo, infastidito dalla retorica di Giarrusso, Pirotto lo ha interrotto. È a questo punto che il comunicatore pentastellato perde la pazienza e la calma e manda direttamente al diavolo un operaio che, dopo anni di lotte, non si fa certo intimorire dalla boutade poco felice di un membro dello staff di un partito che, in Sardegna, non è riuscito a sfondare.