Beppe Grillo: «Gli abruzzesi ci diano indietro i 700mila euro che gli abbiamo dato»

di Redazione | 13/02/2019

beppe grillo
  • Beppe Grillo nel corso del suo show a Bologna ha pronunciato una frase destinata a far discutere sugli abruzzesi

  • «Ci diano indietro i 700mila euro che gli abbiamo dato», ha detto il comico e cofondatore del M5S

  • Un'affermazione che ha il sapore dell'irritazione per la sconfitta del Movimento nella regione

Una frase destinata a far discutere che ha il sapore dell’irritazione per la pensante sconfitta elettorale subita in Abruzzo. L’ha pronunciata ieri Beppe Grillo, in un passaggio del suo spettacolo ‘Insomnia‘ a Bologna, al Teatro delle Celebrazioni. «Io accetto tutto – ha detto il comico genovese e cofondatore del M5S –, che il popolo abruzzese abbia deciso e ha fatto benissimo. Chiedo solo una cosa, ufficialmente: che ci diano indietro i 700mila euro che gli abbiamo dato l’anno scorso, le quattro ambulanze e gli spazzaneve a turbina che a noi a Genova ci servono». Il riferimento era ai fondi finiti in Abruzzo grazie alla restituzione degli stipendi dei consiglieri regionali pentastellati. «Sull’Abruzzo quello che sta prendendo adesso è il maalox, con la vaselina, insieme…», ha poi aggiunto Grillo.

LEGGI ANCHE > Alessandro Di Battista stizzito perché il pubblico non lo applaude | VIDEO

Beppe Grillo irritato: «Gli abruzzesi ci diano indietro 700mila euro»

Le reazioni non sono tardate ad arrivare, soprattutto sui social network. L’ex senatore del Pd Stefano Esposito su Twitter ha scritto: «Questa sera a DiMartedì Di Battista si è lamentato con il pubblico che non applaudiva i suoi interventi. Beppe Grillo più o meno in contemporanea durante 1 spettacolo ha chiesto indietro 700mila euro agli abruzzesi. Due esempi della cultura grillina. Questi sono fuori di testa». «In Abruzzo non siamo in vendita. Grillo si scusi con l’Abruzzo», è stato uno dei commenti degli utenti. «Quindi lo fate solo per accaparrarvi quattro voti…», è un altro messaggio pungente. E ancora: «Il consenso non si compra!».

Nel corso del suo intervento Grillo è stato anche contestato da un gruppo di attivisti no vax. Un gruppo di attivisti contro le vaccinazioni obbligatorie, verso la fine dello show del comico, ha esposto una serie di striscioni contestando la decisione dell’ex capo M5S di aderire al manifesto per la scienza promosso dal virologo Roberto Burioni.

Grillo ha anche pronunciato qualche battuta su Salvini: «L’ho incontrato all’aeroporto l’unica volta che è stato a Bruxelles e voleva farmi salutare sua mamma». «Come fai a non voler bene a uno che ti vuole passare sua mamma?»

(Foto di copertina a archivio Ansa: Beppe Grillo esce di corsa dal teatro Diana dopo un suo spettacolo Insomnia, Napoli, 11 gennaio 2019. Credit immagine: ANSA / CESARE ABBATE)