Paola Taverna non ha mai detto che gli abruzzesi «sono burini»

di Redazione | 11/02/2019

Paola Taverna

Sarà stata anche dura la sconfitta elettorale in Abruzzo per il Movimento 5 Stelle: la candidata voluta dal partito guidato da Di Maio, Sara Marcozzi, ha raggiunto a malapena il 20%, dopo che alle elezioni politiche del 4 marzo il Movimento aveva sfiorato il 40%. Sarà per questo motivo che la rete ha scatenato i suoi istinti più bassi, condividendo fake news sui pentastellati che avrebbero commentato l’esito del voto, in modo particolare su Paola Taverna.

LEGGI ANCHE > La Rai manda in onda gli spot su reddito di cittadinanza e quota 100 senza valutarli

La bufala di Paola Taverna che chiama ‘burini’ gli abruzzesi

Alla vicepresidente del Senato ed esponente di lungo corso del Movimento 5 Stelle, infatti, è stata attribuita una frase che non ha mai detto o scritto. Sta circolando in queste ore un tweet – che è diventato virale – che contiene una sua presunta offesa al popolo abruzzese. Nel cinguettio attribuito alla Taverna si legge: «Gli abruzzesi è meglio se continuano a occuparsi de pecore. Sti burini…».

Il tweet è palesemente falso. Ormai, il popolo del web avrebbe dovuto imparare che ci sono programmi che generano automaticamente tweet, anche con la formattazione originale, con tanto di fotografia del presunto mittente e con la spunta blu dell’account verificato. Sulla timeline di Paola Taverna, tuttavia, non è mai comparsa una frase del genere. La senatrice, nota per il suo carattere rude e per il suo modo di esprimersi piuttosto schietto, avrebbe difficilmente scritto un tweet così poco istituzionale, condito anche da un anacoluto (una concordanza a senso tra il soggetto e il verbo) e da un regionalismo piuttosto pronunciato (‘de pecore’ invece che ‘di pecore’).

Gli altri casi ‘mediatici’ tirati fuori in queste ore contro il M5S

Questo fa il paio con le affermazioni di Marione, vignettista e autore di satira, molto vicino al M5S che non si è certo espresso con parole lusinghiere nei confronti degli abruzzesi. Ma si tratta di una opinione personale, non certo ascrivibile al partito. Così come potrebbe gettare in confusione i lettori e gli utenti del web ritirare fuori, in queste ore, la frase della consigliera pentastellata del XIII municipio di Roma, Angelica Ardovino, che aveva affermato che gli abruzzesi – se non avessero votato per il M5S – avrebbero continuato a vivere nelle tende. Non si tratta di posizioni espresse in queste ore, né riferibili ai vertici del Movimento 5 Stelle. Tra bufale e sottintesi sapienti, è inutile far passare una sconfitta dolorosa per uno scarso senso di rispetto per gli elettori.

(Foto da archivio Ansa: la senatrice M5S Paola Taverna in aula al Senato il 6 novembre 2018. Credit immagine: ANSA / ANGELO CARCONI)