La frecciata di Salvini alla Isoardi: «Chi mi conosce potrebbe osservare un rispettoso silenzio»

di Redazione | 11/02/2019

salvini isoardi
  • Tra i commenti alla vittoria di Mahmood al Festival di Sanremo ci sono anche le frecciate tra Salvini e la Isoardi

  • «Chi mi conosce potrebbe osservare un rispettoso silenzio», ha detto il leader della Lega rispondendo a una domanda su un post della ex

Elisa Isoardi lancia una frecciata a Matteo Salvini. Salvini risponde alla Isoardi con un’altra stilettata. È il duello a distanza tra ex fidanzati che accompagna le polemiche per le scelte della giuria degli esperti al Festival di Sanremo, che si è concluso sabato con la vittoria di Mahmood.

LEGGI ANCHE > Il titolo di Libero su Sanremo: «Il Festival dell’immigrazione» che «passa a Maometto»

Salvini sulla Isoardi: «Chi mi conosce potrebbe osservare rispettoso silenzio»

«Mahmood ha appena vinto il festival di Sanremo. La dimostrazione che l’incontro di culture differenti genera bellezza», ha scritto su Instagram la conduttrice Rai commentando il successo del cantante nato a Milano e figlio di un egiziano. Il suo giudizio opposto a quello del leader della Lega («Io avrei scelto Ultimo») è apparso come una critica alle posizioni del ministro dell’Interno. In un’intervista rilasciata alla Stampa (di Michela Tamburrino) Salvini oggi non replica alla Isoardi ma chiede «silenzio». Ad una domanda sul post della ex il ministro ha risposto: «Non commento. Ho 46 anni e non commento. Che questo ragazzo, per il quale mi sono sentito in torto tanto da chiamarlo sia stato usato dalla sinistra, ci sta. Chi mi conosce potrebbe osservare un rispettoso silenzio».

La telefonata a Mahmood

Salvini alla Stampa ha raccontato anche di aver fatto una telefonata a Mahmood. «Mi sono fatto dare il numero di telefono e l’ho chiamato. È un ragazzo di vent’anni, comincia adesso, mi sono informato sul suo percorso artistico e gli ho voluto dire direttamente che si deve godere la vittoria e che sono felice per lui». E ancora: «È un ragazzo italiano che suo malgrado è stato eletto a simbolo dell’integrazione. Ma lui non si deve integrare, è nato a Milano. Lo hanno messo al centro di una storia che non gli appartiene».

(Foto di copertina: Matteo Salvini ed Elisa Isoardi alle Isole Tremiti. Immagine da archivio Ansa: FACEBOOK / SALVINI)