Ecco la lista completa dei vincitori dei Grammy 2019

di Gianmichele Laino | 11/02/2019

Grammy 2019

In Italia c’è il Festival di Sanremo. Negli Usa è stato il giorno dei Grammy 2019. La manifestazione che raccoglie il meglio della musica mondiale e che attribuisce riconoscimenti in ogni settore del panorama musicale, a 360 gradi. Non solo canzonette, insomma.

LEGGI ANCHE > Katy Perry è la cantante più pagata del mondo

Il 2019 è stato l’anno di This Is America di Childish Gambino, ma anche di Lady Gaga e delle sue performance come attrice candidata all’Oscar per il film A Star is Born. Dua Lipa, Ariana Grande e Chris Cornell hanno fatto il resto.

Tuttavia, il 2019 sarà ricordato soprattutto per la performance di Cardi B, che è diventata la prima donna – nella storia della manifestazione organizzata dalla National Academy of Recording Arts and Sciences – a conquistare il premio per il miglior album rap. Un genere tradizionalmente considerato ‘al maschile’ che, tuttavia, quest’anno ha fatto registrare la smentita di questo fastidioso pregiudizio.

Grammy 2019, l’elenco completo dei premi

Ecco l’elenco con i 105 premi assegnati per ciascuna categoria.

Registrazione dell’anno

“This Is America” — Childish Gambino

Album dell’anno

“Golden Hour” — Kacey Musgraves

Canzone dell’anno

“This Is America” — Donald Glover and Ludwig Goransson, songwriters (Childish Gambino)

Migliore nuova proposta

Dua Lipa

Migliore performance solista pop

“Joanne (Where Do You Think You’re Goin’?)” — Lady Gaga

Migliore Pop Duo/Group Performance

“Shallow” — Lady Gaga and Bradley Cooper

Migliore album pop-vocal

“Sweetener” — Ariana Grande

Migliore performance rock

“When Bad Does Good” — Chris Cornell

Migliore canzone rock

“Masseduction” — Jack Antonoff and Annie Clark, songwriters (St. Vincent)

Miglior album rock

“From the Fires” — Greta Van Fleet

Migliore album di musica alternativa

“Colors” — Beck

Migliore R&B Performance

“Best Part” — H.E.R. featuring Daniel Caesar

Migliore Urban Contemporary Album

“Everything Is Love” — The Carters

Miglior R&B Album

“H.E.R.” — H.E.R.

Migliore performance rap

“King’s Dead” — Kendrick Lamar, Jay Rock, Future and James Blake and

“Bubblin” — Anderson .Paak

Migliore canzone Rap

“God’s Plan” — Aubrey Graham, Daveon Jackson, Brock Korsan, Ron LaTour, Matthew Samuels and Noah Shebib, songwriters (Drake)

Miglior album rap

“Invasion of Privacy” — Cardi B

Miglior Country Solo Performance

“Butterflies” — Kacey Musgraves

Miglior Country Album

“Golden Hour” — Kacey Musgraves

Miglior Jazz Instrumental Album

“Emanon” — The Wayne Shorter Quartet

Migliore album pop latino

“Sincera” — Claudia Brant

Migliore album Latin Rock, Urban o Alternative

“Aztlán” — Zoé

Miglior album americano

“By the Way, I Forgive You” — Brandi Carlile

Migliore canzone scritta per i visual media

“Shallow” — Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando and Andrew Wyatt, songwriters (Lady Gaga and Bradley Cooper)

Prodittore dell’anno

Pharrell Williams

Miglior video musicale

“This Is America” — Childish Gambino

Miglior Comedy Album

“Equanimity & the Bird Revelation” — Dave Chappelle

Miglior album per il teatro musicale

“The Band’s Visit” — Etai Benson, Adam Kantor, Katrina Lenk and Ari’el Stachel, principal soloists; Dean Sharenow and David Yazbek, producers; David Yazbek, composer and lyricist

Migliore composizione strumentale

“Blut Und Boden (Blood and Soil)” — Terence Blanchard

Miglior arrangiamento, strumentale o a cappella

“Stars and Stripes Forever” — John Daversa

Miglior arrangiamento, strumentale o vocale

“Spiderman Theme” — Mark Kibble, Randy Waldman and Justin Wilson, arrangers

Miglior album di Gospel

“Hiding Place” — Tori Kelly

Miglior album di musica cristiana contemporanea

“Look Up Child” — Lauren Daigle

Miglior Roots Gospel Album

“Unexpected” — Jason Crabb

Miglior Album di musica dal mondo

“Freedom” — Soweto Gospel Choir

Miglior Compilation Soundtrack per Visual Media

“The Greatest Showman” — Hugh Jackman (and Various Artists); Alex Lacamoire, Benj Pasek, Justin Paul and Greg Wells, compilation producers

Migliore risultato di una performance per visual media

“Black Panther” — Ludwig Göransson, composer

Miglior Album New Age

“Opium Moon” — Opium Moon

Migliore Performance di nativo americano

“The Joke” — Brandi Carlile

Migliore canzone nativo americano

“The Joke” — Brandi Carlile, Dave Cobb, Phil Hanseroth and Tim Hanseroth, songwriters

Miglior album Bluegrass

“The Travelin’ Mccourys” — The Travelin’ Mccourys

Miglior album di traditional blues

“The Blues Is Alive and Well” — Buddy Guy

Miglior album di Blues contemporaneo

“Please Don’t Be Dead” — Fantastic Negrito

Migliore album folk

“All Ashore” — Punch Brothers

Migliore album per bambini

“All the Sounds” — Lucy Kalantari & the Jazz Cats

Miglior album di musica messicana

“¡México Por Siempre!” — Luis Miguel

Miglior album Tropical Latino

“Anniversary” — Spanish Harlem Orchestra

Miglior album di musica regionale

“No ‘Ane’i” — Kalani Pe’a

Migliore musica da film

“Quincy” — Quincy Jones; Alan Hicks and Rashida Jones, video directors; Paula Dupré Pesmen, video producer

Miglior performance Country Duo/Group

“Tequila” — Dan + Shay

Migliore canzone Country

“Space Cowboy” — Luke Laird, Shane Mcanally and Kacey Musgraves, songwriters

Miglior album di Traditional Pop

“My Way” — Willie Nelson

Migliore performance orchestrale

“Shostakovich: Symphonies Nos. 4 & 11” — Andris Nelsons, conductor

Migliore Opera

“Bates: The (R)evolution of Steve Jobs” — Michael Christie, conductor; Sasha Cooke, Jessica E. Jones, Edward Parks, Garrett Sorenson and Wei Wu; Elizabeth Ostrow, producer

Migliore performance corale

“Mcloskey: Zealot Canticles” — Donald Nally, conductor

Migliore performance  Musica da camera/Small Ensemble

“Anderson, Laurie: Landfall” — Laurie Anderson and Kronos Quartet

Miglior assolo di musica classica

“Kernis: Violin Concerto” — James Ehnes; Ludovic Morlot, conductor

Miglior Album di musica classica vocale solista

“Songs of Orpheus – Monteverdi, Caccini, D’india & Landi” — Karim Sulayman; Jeannette Sorrell, conductor; Apollo’s Fire, ensembles

Miglior compendio di musica classica

“Fuchs: Piano Concerto ‘spiritualist’; Poems of Life; Glacier; Rush” — Joann Falletta, conductor; Tim Handley, producer

Migliore compositione di musica classica contemporanea

“Kernis: Violin Concerto” — Aaron Jay Kernis, composer

Miglior album Reggae

“44/876” — Sting and Shaggy

Migliore improvvisazione solista jazz

“Don’t Fence Me In” — John Daversa, soloist. Track from: “American Dreamers: Voices of Hope, Music of Freedom”

Miglior album vocale jazz

“The Window” — Cécile Mclorin Salvant

Miglior ensamble jazz

“American Dreamers: Voices of Hope, Music of Freedom” — John Daversa Big Band featuring DACA Artists

Migliore album di jazz latino

“Back to the Sunset” — Dafnis Prieto Big Band

Migliore performance di R&B tradizionale

“Bet Ain’t Worth the Hand” — Leon Bridges and

“How Deep Is Your Love” — PJ Morton featuring Yebba

Migliore canzone R&B

“Boo’d Up” — Larrance Dopson, Joelle James, Ella Mai and Dijon Mcfarlane, songwriters

Migliore performance metal

“Electric Messiah” — High on Fire

Miglior performance Rap/Sung

“This Is America” — Childish Gambino