Giuseppe Conte smentisce Di Maio sul boom economico: «Mi aspetto altra contrazione del Pil»

di Gianmichele Laino | 30/01/2019

recessione
  • Giuseppe Conte ha parlato alla platea di Assolombarda

  • Ha affermato che si aspetta una nuova recessione per l'economia italiana nel quarto trimestre

  • Ma si dice fiducioso per il futuro

Dal boom economico alla seconda contrazione delle previsioni di crescita economica in sei mesi. Se già si era registrato un -0,1% nel terzo trimestre, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato alla platea di Assolombarda che si aspetta una recessione anche per il quarto trimestre. Le sue parole sono supportate dai dati dell’ufficio parlamentare di Bilancio e si sono rese necessarie per evitare una brutta sorpresa domani mattina, quando usciranno le previsioni dell’Istat.

LEGGI ANCHE > Giuseppe Conte si assume la piena responsabilità del caso Diciotti

Recessione, Giuseppe Conte anticipa l’Istat

Forse per mitigare l’effetto del dato sui mercati, il presidente del Consiglio ha pensato bene di anticipare l’uscita dei numeri dell’Istat, anche se non è stato dettagliato nel dire a quanto ammonterà questo arretramento del Prodotto Interno Lordo.

«Mi aspetto un’ulteriore contrazione del Pil, nel quarto trimestre – ha detto Conte -. Abbiamo dati congiunturali che non sono favorevoli. Non dobbiamo girare la testa, il dato positivo è che non dipende da noi: sono la Cina, la Germania, che è il nostro primo Paese per l’export, a soffrire in primo luogo».

Giuseppe Conte e le stime sul pil: prevede recessione

Insomma, la recessione – oltre a essere colpa dei governi precedenti, come detto da diversi esponenti della maggioranza nei giorni scorsi – sembra essere attribuibile al rallentamento dell’economia in altri Paesi del mondo. Ma Conte non si è limitato ad anticipare il dato del Pil, ha voluto trasmettere un messaggio di fiducia alle borse: «Se nei primi mesi di quest’anno stenteremo, ci sono tutti gli elementi per sperare in un riscatto, di ripartire con il nostro entusiasmo, soprattutto nel secondo semestre, lo dice anche l’Fmi. Abbiamo una economia che crescerà – ha spiegato – dobbiamo lavorare insieme, progettare gli strumenti per far crescere l’economia in modo robusto e duraturo».

Detta così, comunque, sembra molto diversa dalla previsione ottimistica data da Di Maio qualche settimana fa: il ministro del Lavoro e vicepremier aveva detto che l’Italia è attesa a un nuovo boom economico. Per ora, invece, siamo in recessione.

FOTO: ANSA