Dalla Svizzera a Pomigliano d’Arco per ottenere una maturità agevolata al costo di 3000 euro

di Redazione | 24/01/2019

maturità Pomigliano d'Arco
  • Inchiesta della televisione svizzera su un diplomificio a Pomigliano d'Arco

  • Al prezzo di 3000 euro si garantirebbe la maturità agevolata

  • Boom di richieste dal Canton Ticino

A quanto pare, nella Svizzera italiana, Pomigliano d’Arco non è famosa soltanto per aver dato i natali al vicepremier Luigi Di Maio. Un’inchiesta del programma Falò di Rsi, la televisione in lingua italiana in Svizzera, mostra come ci sia un vero e proprio flusso di persone che partono dall’Istituto Fogazzaro di Breganzona e arrivano all’Istituto paritario Giuseppe Papi per ottenere un diploma. Secondo la televisione svizzera, arriverebbero a pagare almeno 3000 euro per superare l’esame.

LEGGI ANCHE > Vuoi comprare una laurea? Chiedigli come

Maturità Pomigliano d’Arco: arrivano dalla Svizzera al costo di 3000 euro

Il motivo? Maturità assicurata e aiuto nel corso delle prove d’esame. L’accusa parte da un dato: per quale motivo il 90% degli iscritti all’Istituto Fogazzaro chiede di poter sostenere l’esame della maturità italiana (pratica consentita in Svizzera) a Pomigliano d’Arco invece che in altre sedi più vicine. Rsi ha raccolto la denuncia e ha provato a recarsi nella cittadina in provincia di Napoli per capirci qualcosa in più.

Cosa si vedrà nel servizio sulla maturità a Pomigliano di Rsi

Nelle immagini del video d’anteprima – la puntata verrà trasmessa questa sera – si può notare la chiusura da parte delle istituzioni scolastiche dell’istituto paritario che, al momento, nega qualsiasi accusa, nonostante le indagini in corso da parte della procura di Nola, proprio su presunte irregolarità nella gestione degli esami. Il giornalista di Rsi non riesce a parlare con la presidenza, ma riesce a raccogliere alcune testimonianze all’interno della scuola: «Lei è padre? Io sono una madre – dice una persona a volto coperto -. Se vede un ragazzo in difficoltà, che fa? Non lo aiuta?».

Inoltre, Rsi è riuscita ad avere un appuntamento con il sindaco di Pomigliano d’Arco, Raffaele Russo che, con la consueta ironia, spiega: «Che ci sia un diplomificio nel sud dell’Italia può anche starci, ma la cosa curiosa è che venga sfruttato da cittadini svizzeri». L’inchiesta integrale di Gianni Gaggini andrà in onda questa sera e prova a scoperchiare una realtà che nel Paese elvetico sembra essere abbastanza consolidata.