Masterchef, Alida contro Massari e poi attacca: «Noi donne non siamo catalogabili» | VIDEO

di Enzo Boldi | 04/01/2019

Alida, Mastechef Italia
  • Nell'ultima puntata di Masterchef All Stars è andata in scena un'accesa discussione

  • Protagonista Alida Gotta che non ha accettato un consiglio di Igino Massari ed è andata in escendescenza

  • La chef torinese ha rivendicato gli anni di battaglie femministe per ottenere una libertà di espressione

La partecipazione di Alida Gotta a Masterchef All Stars si è conclusa prima del previsto, soprattutto in base alle aspettative sul suo successo finale. La giovane chef torinese, che aveva chiuso al secondo posto la quinta edizione del talent show sulla cucina più famoso d’Italia, è stata eliminata nel corso dell’ultima puntata. A esserle fatale è stato un piatto a base di curry e uno scontro, a dir poco acceso, con l’ospite di serata: il Maestro Pasticcere Igino Massari. Alida è stata protagonista di un acceso battibecco con tanto di rivendicazioni femministe davanti alla telecamera.

LEGGI ANCHE > Carlo Freccero su Rai2: «Luttazzi sì, I Fatti Vostri no, Simona Ventura nì»

«Noi donne non siamo catalogabili. Noi donne siamo tutto», ha tuonato in lacrime Alida dopo il diverbio nella cucina di Masterchef All Stars con il decano dei pasticceri italiani. Ma cosa ha fatto ‘scoppiare’ la giovane chef torinese? Un consiglio datole da Massari sull’utilizzo degli ingredienti per realizzare un piatto a base di curry. Lui la esortava a un utilizzo del pollo, che ben si sposa con la spezia gialla, ma lei ha deciso di presentare una insalata a base di elicriso e liquirizia, ricetta ritenuta insapore e incompleta anche dagli altri due giudici Bruno Barbieri e Antonino Cannavacciuolo.

Alida Gotta discute in diretta con Igino Massari

A quel consiglio, però, Alida ha deciso di rispondere piccata: «Io il pollo non lo cucino. Io non vengo qua a fare i compiti, vengo a portare la mia idea di cucina che non è certo cucinare il pollo al curry». La sua visione della cucina, infatti, va al di là dell’utilizzo di alimenti come carne o pesce e, nella sua seconda vita a Masterchef ha portato avanti le sue ricette a base di verdure e spezie. Un cammino iniziato all’inizio della sua prima partecipazione al talent show riservato ai cuochi amatoriali italiani e, con il passare del tempo, questa sua convinzione è diventata il tratto distintivo di tutti i suoi piatti.

La discussione sul pollo e sul curry

La risposta di Alida non poteva passare inosservata a un severo ed esperto osservatore come Igino Massari, che ha replicato alla sua replica piccata sottolineando il vero spirito del programma e della competizione: «Probabilmente tu non hai ancora capito dove sei: sei in un concorso e non hai capito che devi cucinare quello che piace agli altri, non quello che piace a te». Apriti cielo. L’incidente diplomatico si scatena, con la bionda chef torinese che, davanti alla telecamera, si scaglia contro il Maestro Pasticcere richiamando alle battaglie femministe.

 

Noi donne non siamo catalogabili

«Io non sono catalogabile – ha detto in lacrime Alida davanti la telecamera del ‘confessionale’ di Masterchef -. Noi donne non siamo catalogabili. Noi donne siamo tutto. Non siamo catalogabili in niente e non dobbiamo mai farci catalogare in niente, perché abbiamo una forza dentro che spacca il mondo».

 

Tutto legittimo, assolutamente, ma come hanno sottolineato anche molti utenti sui social che hanno seguito in diretta la puntata della sua eliminazione, Masterchef – anche nella sua versione All Stars, con il premio finale di 100mila euro che sarà devoluto in beneficenza a Liberamensa – rimane comunque un concorso e la libertà d’inventiva deve essere nel piatto, ma non si può cucinare solamente ciò che piace a un determinato chef. Perché chi vuole fare questo come lavoro deve pensare alle reazioni e ai sapori da offrire ai propri ospiti e ai commensali

(foto di copertina e video: da profilo Twitter di Masterchef Italia)