Lega e M5S vogliono relegare Fazio in seconda serata su Raitre

di Gianmichele Laino | 19/12/2018

Fabio Fazio
  • Lega e M5S vogliono spostare Fabio Fazio su Raitre in seconda serata

  • La voce è stata al momento smentita dalla Rai in viale Mazzini

  • Le opposizioni pronte a fare un esposto alla Corte dei Conti

Lo potremmo chiamare esilio dorato. Fabio Fazio non vuole cedere sui compensi (lo sforamento del tetto dei 240mila euro era stato concordato con la precedente dirigenza Rai)? Allora Lega e Movimento 5 Stelle progettano di spedirlo in seconda serata, possibilmente su Raitre. Vale a dire, la retrocessione nella serie B delle fasce orarie. Attualmente, Che Tempo Che Fa – il talk show con format originale ideato dal conduttore ligure – va in onda il sabato e la domenica in una fascia pre-serale su Raiuno. E ha un’appendice il lunedì in seconda serata sempre sulla rete ammiraglia.

LEGGI ANCHE > Di Maio e Salvini vogliono sostituire Fazio con Giletti

Fabio Fazio, l’idea di Lega e M5S

Qualche giorno fa, Luigi Di Maio aveva parlato di un «caso Fazio», mentre è nota la scarsa simpatia di Matteo Salvini nei confronti del conduttore. Che Tempo Che Fa è uno dei pochi spazi televisivi, in Rai, che non è stato ancora interessato dalla rivoluzione gialloverde in viale Mazzini, sotto la presdienza del sovranista Marcello Foa. Ma qualcuno – secondo fonti della maggioranza consultate dall’Agi – potrebbe cambiare le carte in tavola molto presto.

La decisione, a quanto si apprende, non sarebbe imminente e anche viale Mazzini al momento la smentisce. Tuttavia, il piano di portare Fazio in seconda serata è più di una voce, che circola ormai incessantemente tra le persone che si occupano di emittenza e radiotelevisione nella maggioranza. E anche nell’opposizione, che ha raccolto queste voci, l’informazione sta iniziando a diventare sempre più uno spettro, tanto che i partiti di minoranza sarebbero pronti a fare un esposto alla Corte dei Conti nel caso in cui Fazio venisse spostato sulla rete più «debole» del servizio pubblico in una fascia oraria minore. Secondo le opposizioni sarebbe un vero e proprio danno erariale ai danni della Rai.

Perché Lega e M5S vogliono esiliare Fabio Fazio

Dall’altro lato, Lega e Movimento 5 Stelle motivano la loro intenzione di «esiliare» Fabio Fazio: secondo la maggioranza, gli ascolti di Che Tempo Che Fa (che comunque regge il confronto con la concorrenza e, molto spesso, rappresenta il programma più visto nella sua fascia oraria di riferimento, almeno in termini assoluti) non sarebbero tali da giustificare la presenza di Fazio su Raiuno nel preserale. L’appuntamento è fissato al 24 gennaio, data del prossimo consiglio d’amministrazione della Rai dopo il periodo natalizio. Soltanto a partire da quel giorno potremo sapere qualcosa in più sul futuro di Fabio Fazio.

(Foto: ANSA / DANIEL DAL ZENNARO)