La storia delle donne dell’Atletico Huila che vincono la Libertadores ma il premio va alla squadra maschile

di Enzo Boldi | 08/12/2018

Atletico Huila
  • La storia della squadra femminile dell'Atletico Huila ha fatto il giro del mondo

  • Il successo nella finale della Copa Libertadores e il premio destinato, però, alla squadra maschile

  • La doppia beffa: costrette anche a dormire in aeroporto

Una triste storia fatta di gioia per una vittoria prestigiosa e brusco risveglio per il trattamento riservato a chi, sul campo, ha meritato tutti gli onori (anche economici) di un successo straordinario. Ma, evidentemente la federazione calcistica colombiana, ha avuto idee diverse. La squadra femminile dellAtletico Huila ha trionfato nella finale della Coppa Libertadores, la competizione internazionale più importante del Sudamerica. Alle ragazze trionfatrici sarebbe spettato un premio in denaro di 55mila dollari – di gran lunga inferiore rispetto a quanto è destinato per l’edizione maschile della Copa -, ma nonostante questo le calciatrici non hanno visto nemmeno un centesimo di quella cifra. Il tutto è stato destinato alla squadra maschile.

LEGGI ANCHE > La richiesta sessista alla vincitrice del pallone d’oro femminile durante la premiazione | VIDEO

La storia che arriva dal Sudamerica – e, in particolare, della Colombia – sottolinea ancora una volta come il calcio sia estremamente sessista. Le ragazze dell’Atletico Huila, riescono nell’impresa di vincere la Copa Libertadores 2018. Invece di ricevere gli onori delle campionesse, però, le donne vengono anche private del premio economico che spetta a chi alza al cielo il trofeo internazionale più importante del Sudamerica. Quei 55mila dollari – cifra di gran lunga inferiore ai 6 milioni che spetteranno ai calciatori (uomini) di River Plate o Boca Juniors, impegnati domani sera nella finale a Madrid – non finiranno mai nelle loro tasche.

L’Atletico Hulia, la squadra femminile che vince premi che poi vengono dati agli uomini

La federcalcio colombiana, infatti, ha deciso di girare quella cifra alla squadra maschile dell’Atletico Huila. Ma la cosa più ridicola di tutta questa storia è che la squadra maschile ha lo stesso nome, ma fa riferimento a un presidente diverso e a una società diversa. Ma, nonostante tutto ciò, la federazione ha deciso di aiutare il club degli uomini che deve coprire alcuni debiti di bilancio.

 

Altra beffa, costrette a dormire sul pavimento di un aeroporto

E se questa beffa non fosse sufficiente, le ragazze dell’Atletico Huila, sono state costrette anche a dormire a terra in aeroporto dopo la finale vinta ai rigori contro il Santos. La società, infatti, non aveva previsto una sosta in qualche albergo e le ragazze sono state obbligate a recarsi nello scalo aereo con sette ore di anticipo.

(foto di copertina da pagina Facebook Minuto Stettantotto)