Gli alberi distrutti dal maltempo di ottobre diventeranno alberi di Natale

di Gaia Mellone | 06/12/2018

Gli alberi distrutti dal maltempo di ottobre diventeranno alberi di Natale
  • L'ondata di maltempo del 29 ottobre ha provocato oltre un miliardo di danni solo in Veneto

  • L'iniziativa di Coldiretti: rivendere gli abeti divelti come alberi di Natale

  • I mercati di Campagna Amica a Vicenza, Roma e Milano

L’ondata di maltempo che ha colpito il Nord-Est italiano alla fine di ottobre ha distrutto molti pochi: uno di questi ospitava gli alberi tanto amati da Stradivari, che utilizzava solo il legno della foresta in Val di Fiemme per realizzare i suoi famosi violini. Molti alberi sono stati distrutti, ma altri sono “recuperabili”. La Coldiretti ha annunciato che molti di questi vivranno una seconda vita, diventando alberi di natale.

LEGGI ANCHE > Beppe Grillo non crede agli alberi distrutti dal maltempo

Alberi di Natale, da Spezzacchio alla Val Di Fiemme

Mai come quest’anno parlare di alberi di natale è di tendenza: da Spelacchio/Spezzacchio fino alla usuale diatriba “albero vero vs albero di plastica”. Quest’anno però, decidere l’abete da addobbare potrebbe diventare un atto di sostegno non indifferente. L’ondata di maltempo che ha distrutto boschi e foreste nel nord-est tra il 28 e il 29 ottobre ha sradicato molti alberi che la Coldiretti, insieme a Federforeste e Pefc, ha deciso di destinare alle decorazioni natalizie. Gli alberi caduti sull’altopiano di Asiago verranno infatti messi in vendita durante il ponte dell’Immacolata, week-end tradizionalmente dedicato proprio alla creazione degli addobbi per le feste.

Gli alberi caduti diventano alberi di Natale, la solidarietà per i territori colpiti dalla devastazione del maltempo

I mercati di Campagna Amica dove gli abeti verranno messi in vendita verranno allestiti da sabato 8 dicembre a Roma, Milano e Vicenza, e i ricavi saranno devoluti ai territori feriti dal maltempo per sostenerne la ripresa. «Si tratta di una iniziativa per dare la possibilità di aiutare concretamente i territori devastati ma anche per far conoscere l’importanza di scegliere per Natale l’albero vero Made in Italy – viene spiegato in una nota – che concilia il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente, a differenza di quelli di plastica che nascono dal petrolio e inquinano l’ambiente». Oltre all’albero, la cui scelta verrà aiutata grazie alla presenza di alcuni «tutor dell’albero di Natale», agli acquirenti verrà consegnato anche un vademecum dove viene spiegato come posizionare l’albero e riciclarlo alla fine delle festività natalizie.

Boschi distrutti dal tempo, venerdì il tavolo al Mise

Intanto venerdì 7 dicembre è previsto al Ministero dello sviluppo economico la prima riunione del Tavolo tecnico per la messa in sicurezza, il recupero e la valorizzazione dei boschi di Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige. Come viene spiegato in una nota, l’obbiettivo finale di questo incontro che si terrà alla presenza dei Ministri Luigi Di Maio e Riccardo Fraccaro,  «sarà quello di individuare azioni di supporto a favore dei territori colpiti dal maltempo, che ha provocato ingenti danni al patrimonio forestale italiano».

(Credits immagine di copertina: ANSA/ UFFICIO STAMPA CNSAS)