Un giapponese salverà Napoli dalle «cicche» per terra

di Gaia Mellone | 03/12/2018

Lo studente giapponese ripulisce le strade di Napoli dalle sigarette
  • Lo studente giapponese immortalato in un video su Facebook mentre raccoglie le sigarette gettate a terra

  • Quando gli viene chiesto perché compia questo gesto, dice sorridendo: «Amo Napoli, non merita di essere sporca»

  • Il capoluogo campano è tra le città con la tassa rifiuti più alta secondo i dati di Cittadinanzattiva

L‘immondizia è uno dei temi principe delle cronache pre natalizie: dai rifiuti sui marciapiedi di Roma, fino agli inceneritori della Terra dei fuochi, passando per le nuove tasse sui volumi e non più sui mq che Luigi Di Maio inserirà nella Legge di Bilancio. Mentre gli italiani protestano, si lamentano e cercano soluzioni burocratiche, un ragazzo giapponese ha deciso di scendere letteralmente in strada per dare il suo contributo.

LEGGI ANCHE > Selvaggia Lucarelli e l’immondizia di fronte a Starbucks

Lo studente giapponese che raccoglie le «cicche»: «Napoli non merita di essere sporca»

Il video virale del ragazzo giapponese è stato condiviso su Facebook da Nicola Barbato che ha voluto immortalare un gesto così semplice e così importante. Una ripresa veloce, in cui si vede il ragazzo che passeggia per la strada con due sacchetti della spesa e una pinza, mentre sorridente raccoglie le sigarette gettate a terra. Quando Nicola gli chiede cosa faccia a Napoli, lui dice di essere nella città partenopea per studiare, e di amare il capoluogo campano. «A me piace Napoli, e quando vedo la spazzatura non mi piace» dice sorridendo mentre continua a raccogliere «le chicche» da terra. «Napoli non merita di essere sporca», e per questo ha deciso di impegnare qualche ora della sua giornata in un’attività forse simbolica, ma di grande lezione per tutti. Tanto che in pochi giorni il video ha superato le 50mila condivisioni.

Senza parole! Col Giappone nel cuore!!

Gepostet von Nicola Barbato am Donnerstag, 29. November 2018

La Campania è la regione con la tassa rifiuti più cara d’Italia

Non sono le sigarette a creare il problema dell’immondizia, questo è certo, ma il gesto del giovane studente arrivato dall’altra parte del mondo fa riflettere. Solo pochi giorni fa Cittadinanzattiva ha reso noti i dati da cui viene dedotto che la Campania è la regione in cui i cittadini spendono di più per la tassa sui rifiuti, pur ricevendo un servizio inadeguato. L’analisi è stata svolta su tutto il territorio italiano, utilizzando come riferimento di media una famiglia composta da 3 persone con un’abitazione di 100 metri quadri. Ne emerge una media nazionale di 302 euro spesi ogni anno per la tassa sui rifiuti solidi urbani, ma tra le diverse regioni c’è una variazione impressionante. Ai due estremi ci sono il Trentino come regione più economica (188 euro annuali) e la Campania, come la più costosa: 422 euro. Napoli in particolare rispetto allo scorso anno ha registrato un calo di soli 2 euro, ma spende ancora moltissimo: 446 euro. La peggiore della regione è pero Salerno con 468 euro ogni anno, mentre la migliore è Avellino con 331.