Tiziano Renzi vuole querelare Luca Telese

di Redazione | 29/11/2018

Tiziano Renzi

L’annuncio arriva direttamente dal profilo Facebook di Tiziano Renzi. Il padre dell’ex presidente del Consiglio ha condiviso un messaggio del suo avvocato, Luca Mirco, in cui annunciava l’intenzione di querelare il giornalista Luca Telese, per un suo intervento alla trasmissione di Lilli Gruber Otto e Mezzo di ieri sera.

LEGGI ANCHE > Laura Castelli contro un profilo satirico: «Denuncio chi lo ha aperto»

Tiziano Renzi e l’annuncio della querela a Telese

«Gentile sig. Renzi – si legge nel messaggio – ho avuto modo di leggere l’articolo pubblicato dal quotidiano “La Verità” in data 28 novembre e di rivedere la trasmissione di ieri sera in cui il sig. Telese afferma che Lei sarebbe stato condannato dal Tribunale di Genova per un “rapporto di lavoro a nero”. Sia l’articolo che nel titolo parla di lavoro nero sia l’affermazione del giornalista Telese sono palesemente false. Procedo dunque giudizialmente nei confronti dei summenzionati. Cari Saluti».

Luca Telese aveva affrontato la vicenda del padre di Matteo Renzi, accostandolo in qualche modo a quello di Luigi Di Maio per la storia del lavoro nero. Il quotidiano La Verità – in un articolo a firma Giacomo Amadori e Simone Di Meo -, infatti, aveva raccontato un episodio del 2011, in cui un operaio nigeriano, assunto con un co.co.co., era stato licenziato perché aveva chiesto una retribuzione più alta e un rimborso spese per la benzina per assicurare le sue prestazioni in una delle società che facevano capo a Tiziano Renzi.

Tiziano Renzi e i precedenti con Marco Travaglio

Luca Telese ha citato l’articolo nel corso della puntata di Otto e Mezzo, mettendola in relazione con quella del lavoro nero contestata al padre di Luigi Di Maio dopo il servizio a Le Iene. Ora bisogna attendere gli sviluppi della situazione: nei giorni scorsi, Matteo Renzi aveva fatto sapere che il padre era uscito vincitore da due cause civili nei confronti di Marco Travaglio, dal quale potrebbe ottenere diverse migliaia di euro a titolo di risarcimento del danno.

(Foto da archivio Ansa)