Il ministro della Salute Grillo: «Ricerca scientifica senza freni può essere dannosa»

di Gianmichele Laino | 28/11/2018

Giulia Grillo

Il contesto – è bene specificarlo – è quello relativo a una domanda sul presunto esperimento portato a termine in Cina dal ricercatore He Jiankui che ha annunciato di aver fatto nascere due gemelline con il dna geneticamente modificato. Giulia Grillo, ministro della Salute, prova ad affrontare un tema così delicato a SkyTg24, in diretta. E parte la frase che farà senz’altro molto discutere: «Sulla genetica c’è una riflessione importante da fare – ha affermato -, la scienza va avanti e come umanità dobbiamo chiederci dove vogliamo andare. Una ricerca scientifica senza freni può fare quello che vuole, anche arrivare a fare esseri umani in provetta».

LEGGI ANCHE > Il Ministro della Salute Grillo: «Sì al vaccino obbligatorio per il morbillo, no all’esavalente»

L’intervento di Giulia Grillo a SkyTg24

Ovviamente, ci sono tante perplessità sull’esperimento portato a termine dal ricercatore He Jiankui. Al momento, non si hanno altre informazioni se non quelle presenti all’interno del suo video in cui ha annunciato al mondo la sua scoperta scientifica. La stessa Cina ha avviato un’indagine interna per capire quanto sta succedendo nei laboratori del ricercatore di Shenzhen. E anzi, il ricercatore ha annunciato che la sperimentazione clinica è stata messa in pausa a causa della situazione che si è verificata al momento della sua rivelazione. In più, He Jiankui ha ricordato come la sua ricerca debba ancora essere approvata da una rivista scientifica indipendente per una revisione.

Tuttavia, un ministro della Salute che si interroga sulla possibilità di mettere un limite alla ricerca scientifica non fa proprio una bella figura davanti alle telecamere che trasmettono la sua immagine in tutta Italia. Stabilire un limite etico alla ricerca scientifica è già di per sé un gesto poco etico. Eppure, rappresenta – al momento – il pensiero del ministro della Salute.

Giulia Grillo pensa che si possa mettere un freno alla ricerca scientifica?

Il discorso, in ogni caso, non si può liquidare con una semplice battuta all’interno di uno studio televisivo, ma ha bisogno di argomentazioni. Cosa intende Giulia Grillo quando parla di «ricerca scientifica senza freni»? Sembra quasi un ossimoro: la ricerca o è scientifica o è senza freni. E poi bisogna capire anche il senso della definizione «dannosa» a un tipo di ricerca che vuole superare i limiti che, fino a questo momento, la scienza ha avuto. L’avanzamento delle tecnologie, infatti, permetterà alla scienza di portarsi sempre più avanti nella sua ricerca. Ma perché definire questo progresso «dannoso»?

[FOTO: Giulia Grillo in diretta a SkyTg24]