Il duomo tricolore e la pista da sci. Milano-Cortina presenta il suo logo olimpico

di Enzo Boldi | 28/11/2018

Milano-Cortina 2026, Logo
  • Il Coni ha presentato a Tokyo la sua candidatura per ospitare le olimpiadi del 2026

  • Milano-Cortina se la dovrà vedere con Stoccolma

  • Il giudizio finale arriverà il prossimo giugno durante la riunione del Cio a Losanna

Il duomo sitlizzato utilizzando il tricolore italiano la cui facciata si trasforma in una pista da sci. Questo è il logo presentato questa mattina a Tokyo dai rappresentanti italiani del Coni difronte ai 206 membri del comitato olimpico internazionale riuniti a Tokyo per la presentazione ufficiale delle candidature per ospitare le Olimpiadi invernali del 2026. Dopo un lungo peregrinare, fatto di dissidi e liti, l’Italia ha deciso di presentarsi con la doppia sede di Milano-Cortina e a rappresentare il Bel Paese è stata una delle eccellenze dello sport italiano: la campionessa dello Short Track Arianna Fontana.

LEGGI ANCHE > Calgary dice no alle Olimpiadi, per Milano-Cortina è quasi fatta

Oltre alla campionessa olimpica in carica dei 500 metri nello Short Track, l’Italia ha avanzato la sua candidatura anche attraverso le parole del presidente del Coni Giovanni Malagò, del sindaco di Milano Giuseppe Sala e del governatore della Regione Veneto Luca Zaia. La possibilità che il nostro Paese riesca a ottenere il via libero per ospitare i Giochi invernali del 2026 è molto concreta, così come l’entusiasmo mostrato a Tokyo da Arianna Fontana.

 

Milano-Cortina e la sfida a Stoccolma

«Milano-Cortina è pronta! Noi, gli atleti italiani, olimpici e paralimpici, siamo qui per confermare il nostro appoggio – ha detto con entusiasmo Arianna Fontana -. Loro hanno dato tanti numeri, ma noi siamo stati più passionali». Quei «loro» citati dalla nostra atleta di punta sono gli svedesi che hanno scelto di candidare Stoccolma come città ospitante per le Olimpiadi del 2026. Il prossimo passo, quello definitivo, sarà fatto nel mese di giugno quando il Cio (il Comitato olimpico internazionale) si riunirà a Losanna (in Svizzera) per decidere quale paese ospiterà i Giochi invernali del 2026.

Malagò: «Qui per trasformare il sogno in realtà»

Durante la presentazione del progetto olimpico italiano è stato anche proiettato un video in cui si mostrano le bellezze del binomio italico, attraverso l’utilizzo di droni e immagini che richiamano molto il nostro tricolore. «Milano-Cortina è una candidatura che ha origine dai Territori – ha spiegato Giovanni Malagò -, dalle città rappresentate dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che nasce da due delle regioni più ricche e operose d’Italia, per non dire d’Europa, Lombardia e Veneto, qui rappresentate dal governatore del Veneto, Luca Zaia. Saranno proprio le regioni a garantire il sostegno finanziario per organizzare i Giochi».

(foto di copertina da profili social Coni)