Bernardo Bertolucci e la scena del burro e del sesso anale in Ultimo Tango a Parigi: «Maria non lo sapeva»

di Gianmichele Laino | 26/11/2018

Bernardo Bertolucci
  • Oggi, la notizia della morte di Bernardo Bertolucci

  • Uno dei più discussi film del regista è stato Ultimo tango a Parigi

  • Il retroscena sulla scena del burro e del sesso anale

Bernardo Bertolucci, regista osannato come uno dei più grandi del nostro cinema, è stato anche al centro di diverse polemiche per il suo film Ultimo tango a Parigi. Si tratta del film che funse da spartiacque nella carriera del regista italiano, nel 1973. Tuttavia, fu anche la pellicola che segnò il primo contrasto tra Bernardo Bertolucci e il grande pubblico: la censura avviò un procedimento penale contro il film che portò alla condanna di Ultimo tango a Parigi, il 29 gennaio 1976. La successiva riabilitazione del film, avvenne nel 1987.

LEGGI ANCHE > Bernardo Bertolucci è morto

La scena del burro in Ultimo tango a Parigi di Bernardo Bertolucci

Ma le polemiche accompagnarono la pellicola anche diversi anni dopo la sua riabilitazione. Le scene di sesso esplicito che venivano proposte, infatti, resero Ultimo tango a Parigi un film che ebbe sempre una critica divisa. E tornarono a farsi prepotenti le accuse quando, a quarant’anni di distanza dall’entrata nelle sale di Ultimo tango a Parigi, Bernardo Bertolucci rivelò un retroscena sulla sequenza del sesso anale e del burro tra Marlon Brando e Maria Schneider, i due protagonisti della vicenda ambientata nella città francese.

Bernardo Bertolucci e la confessione su Ultimo tango a Parigi

Nel corso di una Leçon de cinéma alla Cinémathèque française nel 2013, Bernardo Bertolucci rivelò che l’attrice non era a conoscenza delle modalità con cui quella scena sarebbe stata girata. «L’idea è venuta a me e Marlon durante una colazione, mentre spalmava del burro su una baguette – disse Bertolucci – La cosa un po’ atroce è stata che io e Marlon abbiamo deciso di non dire nulla a Maria della scena che avremmo girato, perché volevo la sua reazione di ragazza e non di attrice. Lei è rimasta ferita perché non le avevamo detto nulla, ma quella scena non sarebbe stata la stessa se lei avesse saputo cosa stava accadendo».

Una frase del genere, pronunciata in questa precisa fase storica (nel 2013 non si parlava ancora di #MeToo), avrebbe scatenato un’ondata di proteste e di accuse che, invece, cinque anni fa furono abbastanza contenute in virtù della fama riconosciuta a livello mondiale di Bernardo Bertolucci. La verisone è stata confermata dalla stessa attroce Maria Schneider che disse, a distanza di tempo, di essersi sentita stuprata da Marlon Brando.

FOTO: ANSA / USE EDITORIAL ONLY