I tre geni della robotica italiani hanno veramente raggiunto le finali del Mit?

di Enzo Boldi | 15/11/2018

Robotica
  • La corsa al carro dei vincitori per pagare i biglietti ai tre geni della robotica italiani

  • La classifica è ancora provvisoria e non è sicura la partecipazione alle finali dell'Iti Augusto Righi di Napoli

  • Il Miur avvia una serie di verifiche sul caso

La notizia dei tre geni della robotica italiani – studenti dell’Istituto tecnico industriale Augusto Righi di Napoli – che non avevano i fondi necessari per poter raggiungere Boston e partecipare alle finali del concorso Zero Robotics ha richiamato la solidarietà di istituzioni, esponenti del governo, del Parlamento e di alcune grandi aziende italiane e straniere. Le ultime notizie, però, potrebbero raffreddare questa gara al «il biglietto ve lo pago io». Dal sito ufficiale del concorso, infatti, si legge che la competizione è ancora in corso e si concluderà alle 23.59 del prossimo 16 dicembre. La classifica, che vede i tre meritevoli studenti napoletani al secondo posto, è quindi provvisoria.

LEGGI ANCHE > Gregorio De Falco non ha votato contro il condono a Ischia

Il Ministero dell’Istruzione, dopo il tam tam mediatico attorno a questa vicenda di «eccellenze italiane», ha infatti avviato una serie di verifiche. Dal sito ufficiale del concorso Zero Robotics, uno dei principali – se non il più importante – a livello mondiale, si può leggere regolamento e classifica provvisoria. E le due letture vanno fatte di pari passo. Il torneo che coinvolge le scuole di tutto il mondo è iniziato alle ore 13 (statunitensi) dello scorso 8 settembre e si concluderò solamente alle 23.59 del 16 dicembre. Tra poco più di un mese.

Geni della robotica, classifica parziali e finali ad Alicante

La graduatoria, quindi, è solamente provvisoria e il secondo posto in classifica – detenuto attualmente dai tre ragazzi dell’Iti Augusto Righi di Napoli, non è così sicuro. Di conseguenza, non è certa la loro partecipazione alle finali in programma a gennaio negli Stati Uniti. Anzi, come riporta l’Agenzia Giornalistica Italia (Agi), per le scuole europee che rientreranno nella lista dei migliori, le finali non si svolgeranno a Boston, bensì ad Alicante, in Spagna.

Le collette pronte di Di Maio, Casellati, Tg3 e altre aziende

Il calore con cui tutti si sono mossi nella gara di solidarietà per garantire i fondi necessari per il viaggio negli States dei tre geni della robotica di Napoli può, quindi, raffreddarsi. Ieri la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati li aveva ricevuti a palazzo Madama garantendo loro il biglietto per Boston, così come fatto anche dal vicepremier Luigi Di Maio – che aveva annunciato di aver coinvolto gli esponenti del M5S Campania per fare una colletta -, dal Tg3, dalla Brembo e dalla Best Western Italia. Tutti corsi a salire sul carro del vincitore.

(foto di copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)