Concorso truccato all’Università La Sapienza, ricercatore denuncia e poi si uccide

di Gaia Mellone | 12/11/2018

  • Luigi Vecchione aveva partecipato al concorso nel 2016

  • L'ingegnere ha costruito da solo la pistola con cui si è tolto la vita

  • Il ricercatore temeva di essere perseguitato per la sua denuncia

Luigi Vecchione, ingegnere di 43 anni, si è sparato con una pistola che aveva costruito da solo, poche ore dopo aver consegnato alla mobile le prove di un concorso truccato del 2016 dell’Università La Sapienza. Prima di suicidarsi ha scritto una lettera ai genitori: «Mamma, papà, scusatemi. Mi hanno trattato come un mafioso. Portate tutto all’avvocato Testa».

LEGGI ANCHE > Giarrusso vigilerà sui concorsi universitari: «Polemiche inutili, ho anche fatto un sevizio per Le Iene»

Luigi Vecchione temeva di essere «perseguitato da La Sapienza»

Vecchione era nato ad Alatri, in provincia di Frosinone, dove risiedeva e dove ha deciso di spararsi. È stato ritrovato dal padre, che ha recuperato e consegnato all’avvocato Angelo Testa gli appunti relativi al concorso universitario che il figlio aveva sostenuto nel 2016. Il bando era per un posto come tecnico amministrativo di laboratorio all’Università romana La Sapienza. «Mi hanno fatto fuori» ripeteva continuamente al padre «i baroni l’hanno regalato ai loro protetti». Quattro ore prima si era recato presso gli uffici della squadra mobile di Frosinone insieme al suo legale Angelo Testa, che a Repubblica ha dichiarato che l’uomo, che «sembrava sereno»,  «voleva essere rassicurato, era convinto di essere perseguitato dalla Sapienza».

Il racconto del concorso truccato: Vecchione era l’unico escluso dalla graduatoria

Luigi Vecchione lavorava nel laboratorio di Viterbo come ricercatore per la produzione di idrogeno dall’ammoniaca, e aveva partecipato al concorso per diventare tecnico amministrativo. Al suo avvocato aveva raccontato, come riporta Repubblica, che i partecipanti erano solo 14 ma «il vincitore era stato già scelto e così i tre posti alle sue spalle. In nove si sono ritirati, io ho voluto insistere. Ero l’unico senza protezioni». Alla fine, secondo il racconto di Vecchione al capo della squadra mobile, «ha vinto la persona indicata e anche la classifica dal secondo al quarto è stata scritta in base alla precedente spartizione. Io sono arrivato a pari merito con il quarto, ma, più anziano, sono rimasto fuori dalla graduatoria. Solo io».

Dopo la denuncia la revoca del contratto e la chiusura del progetto

Vecchione si è rivolto quindi all’Ufficio dell’Anticorruzione, consegnando a Raffaele Cantone delle registrazioni audio che comprovavano le sue accuse. «Hai fatto una bella figura – si può sentire negli audio –  tenendo conto che non avevi nessuno dietro». Il 9 novembre le carte sono state inviate alle procure di Roma e Viterbo, e mentre le inchieste partivano a rilento, l’ingegnere continuava a lavorare ad un progetto di energia alternativa sempre all’interno de La Sapienza. Vecchione a quel punto ha cominciato a sentirsi perseguitato: temeva le ritorsioni per aver fatto denuncia. Sul suo profilo Facebook si possono ancora vedere i post pubblici, tutti legati al tema della lotta alla Corruzione. Il 31 agosto l’Università gli blocca il progetto e revoca il contratto. Vecchione sosteneva che per portare a compimento il progetto serviva ancora un anno di lavoro ed era sicuro di essere stato allontanato «perché hanno scoperto che li ho denunciati».

(Credits immagine di copertina: immagine profilo di Luigi Vecchione su Linkedin