La proposta di Adinolfi: «Mille euro al mese per chi decide di fare ‘solo’ la mamma»

di Enzo Boldi | 09/11/2018

Reddito di maternità, Adinolfi
  • Il Popolo della famiglia lancia la proposta di legge sul reddito di maternità

  • Mario Adinolfi spiega: «Mille euro al mese per chi decide di fare ‘solo’ la mamma»

  • La durata è di otto anni e si rinnova alla nascita di ogni figlio

È solo il primo passo, ma la proposta di legge del Popolo della Famiglia potrebbe presto diventare realtà. Mario Adinolfi ha presentato alla corte di Cassazione il suo «reddito di maternità», una misura (economica) per consentire alle donne di essere mamme a tempo pieno senza doversi sacrificare tra la scelta di lavorare o mettere al mondo un figlio. Ora il PdF va alla ricerca di mila firme per portare avanti questo progetto.

LEGGI ANCHE > La moglie di Adinolfi dice: «Io e Mario ci diamo dentro» e critica Fusaro sulla verginità

L’idea di Adinolfi è quella di garantire a quelle donne che decidono di fare le mamme a tempo pieno un reddito di mille euro al mese. «La principale tragedia italiana è la denatalità- spiega il leader del Popolo della Famiglia a Lo Speciale -. Per combatterla bisogna operare una rivoluzione culturale e lasciare libera la donna di scegliere tra lavoro in casa e lavoro fuori casa. La lavoratrice casalinga dedita alla famiglia e ai figli non è una donna di serie B, anzi svolge una funzione sociale che deve essere finalmente riconosciuta con un adeguato reddito».

 

Il reddito di maternità nell’idea del Popolo della Famiglia

Nella proposta di legge consegnata alla Cassazione ci sono i dettagli di questo reddito di maternità. Si tratta di un’indennità di mille euro al mese netti. La richiesta potrà essere avanzata presso il Comune di residenza entro 15 giorni dalla nascita del figlio/figlia, stesso lasso di tempo per chi decide di adottare un bambino. Il reddito di maternità avrà una durata di otto anni, ma si rinnoverà (per lo stesso tempo) in caso di eventuale nascita di un nuovo figlio. Qualora una donna trovasse lavoro e venisse assunta, l’indennità sarebbe interrotta.

Mancano 50mila firme

Ora il prossimo passo è la raccolta di firme: «Nelle piazze italiane nei prossimi centottanta giorni il Popolo della Famiglia raccoglierà le cinquantamila firme richieste dalla Costituzione per presentare la nostra proposta di legge alle Camere – spiega Mario Adinolfi -. Solo con una normativa chiara come la nostra, dal costo inferiore ai tre miliardi di euro annui, si fa ripartire davvero la natalità in Italia e si disincentiva l’aborto, due emergenze su cui l’attuale governo non ha fatto nulla.

(foto di copertina: ANSA/ETTORE FERRARI)