Torino: si decide sulla Tav. Tensioni dentro il consiglio comunale (e fuori)

di Redazione | 29/10/2018

tav
  • Tensione in Consiglio durante l'odg NoTav

  • Espulso dall'aula l'ex sindaco Fassino

  • Agenti hanno sbarrato l'ingresso tra i No Tav e un nutrito gruppo di manifestanti a favore dell'opera

Oggi a Torino si discute dell’ordine del giorno con cui il Comune chiederà al Governo di rinunciare alla costruzione della linea ad alta velocità Torino-Lione. Il presidente della Sala Rossa Fabio Versaci ha espulso dall’aula tutti gli esponenti del centrosinistra, a partire dal capogruppo Stefano Lo Russo e dall’ex sindaco Piero Fassino. L’espulsione è avvenuta, con tanto di vigili urbani, dopo l’esposizione di alcuni cartelli in aula a favore della Tav.

LEGGI ANCHE > Il «codice etico» di Forza Nuova: sospesa la militante con la maglietta Auschwitzland

“Mi spiace per quanto accaduto – ha detto il presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci – ma ci sono delle regole. Io non ho gradito quello che avete fatto”.
Fassino commenta: “L’assenza della sindaca è una scelta grave e irresponsabile, vuol dire avere una grande coda di paglia. Bisogna chiedersi che cosa proporrà agli investitori visto che la sua linea è dire no a tutti gli investimenti”.

Così, mentre si litiga in aula, fuori dal palazzo gli agenti hanno sbarrato l’ingresso creando una barriera tra i No Tav e un nutrito gruppo di manifestanti a favore dell’alta velocità.

(foto da Notavinfo Notav)