Al Forum Pd Maurizio Martina termina il suo ruolo da navigatore: «Oggi finisce il mio mandato»

di Matteo Garavoglia | 28/10/2018

Maurizio Martina
  • Il segretario del Partito democratico ha aperto ufficialmente la fase congressuale

  • Martina ha aperto anche a una coalizione allargata per le europee

  • C'è chi, nel Pd, vorrebbe tenere il Congresso dopo le elezioni europee del maggio 2019

Maurizio Martina, intervenuto al Forum Pd a Milano, ha ufficialmente posto fine al suo mandato da traghettatore dopo le dimissioni di Matteo Renzi il giorno dopo le elezioni del 4 marzo.

LEGGI ANCHE > Il Pd vuole dare 18mila euro ai 18enni per fare impresa o comprare casa

Con questo Forum – ha dichiarato Martina – si completa il mio mandato ricevuto dall’Assemblea nazionale a luglio. Nei prossimi giorni con la segretaria nazionale concluderemo questa fase perché mandato da luglio era questo costruire un percorso dove raccogliere idee per una prospettiva e preparare il Pd a nuova battaglia. Chiedo alla presidenza di riconvocare l’assemblea in tempi giusti, l’11 novembre è una data buona per essere conseguenti a una nuova fase“.

Prima di dire addio (o arrivederci) al suo partito come segretario, Maurizio Martina si è rivolto direttamente a Salvini e Di Maio, sulla manovra e non solo: “Cari Salvini e Di Maio, non vi lasceremo giocare sulla pelle del nostro paese, sulla nostra libertà, sulla nostra sovranità. Una manovra da ladri di futuro, perché compromette giovani e donne di questo paese: c’è una gigantesca questione generazionale“.

Martina, inoltre, si è detto favorevole alla proposta di Franceschini di cercare un’alleanza allargata in vista delle elezioni europee del maggio 2019: “L’alternativa al governo sovran-populista di Lega e M5S si costruisce partendo dal Pd ma andando oltre il partito così come è stato finora concepito“.

L’impressione è che comunque, all’interno del Partito democratico, ci sia qualcuno che remi contro un Congresso da tenersi in tempi brevi. Quel qualcuno è l’area renziana del partito, stando alle parole di Andrea Marcucci: “Alle prossime elezioni europee e amministrative il Pd dovrà andarci serrando le fila e se questo dovesse portare a posticipare il congresso non mi straccerei le vesti“.

(F0t0 credits: Ansa)