l’Indie mania ha colpito anche la Treccani

di Gaia Mellone | 24/10/2018

  • Sulla pagina Facebook della fondazione vengono spiegate le parole dei testi delle canzoni

  • Su Spotify c'è anche la playlist ufficiale che raccoglie i brani

  • L'iniziativa ha conquistato i fan della pagina

Ha 90 anni, ma è più arzilla che mai. E sopratutto, non ne vuole sapere di invecchiare. Parliamo della Treccani, la fondazione dell’Istituto della Enciclopedia italiana, che  da qualche mese a questa parte sta promuovendo progetti che strizzano l’occhio ai più giovani. E quale modo migliore di farlo se non sfruttando la musica indie?

LEGGI ANCHE > Lodo Guenzi a X Factor è la prova che l’Indie ormai è mainstream

La Treccani ama Calcutta, tra «pungicare» e «deficiente»

L’esempio più recente è «Pungicare». La parola è accompagnata da un frame del nuovo video di Calcutta, “Kiwi”. Il romano canta “Tanto quello che voglio da te/Quello che voglio da te/È farmi pungicare/È farmi pungicare” Incredibile ma vero, è una parola estremamente forbita: «È un termine desueto (pensate che lo usava Carlo Goldoni) rimasto però nel dialetto romanesco – si legge nella descrizione Treccani – Il significato è quello che state immaginando: pungere, punzecchiare, anche in senso figurato». L’istituto culturale sa come attirare l’attenzione del proprio pubblico social e oltre a definire i termini delle canzoni indie, li inserisce anche nel (con)testo: «In “Kiwi” di Calcutta pagina di, l’uso figurato è rafforzato dalla metafora dell’alveare sotto il cuscino, che introduce i versi in cui il narratore dichiara all’amata di essere disposto a farsi punzecchiare e, più avanti nel testo, a subire dispetti ben più pesanti». Che dire, nemmeno Calcutta l’avrebbe saputa spiegare meglio.

La passione per i testi di Calcutta è chiara: è già la seconda volta che il cantautore di Latina finisce in questa simpatica iniziativa. A luglio sulla pagina Facebook Treccani era apparso, bello in grande e verde fosforescente, un «Deficiente». Niente paura, è sempre un riferiment0 al testo di una canzone. «🎤 Ué deficiente!» si legge nella descrizione del post, che descrive l’insulto/aggettivo/sostantivo « che viene dal latino “deficiens, -entis”, participio presente di “deficĕre” (mancare). L’aggettivo significa “che viene meno, mancante o anche insufficiente al bisogno”. Il sostantivo indicava una persona totalmente o parzialmente minorata nella sua attività intellettuale; la parola, estranea oggi al linguaggio medico, rimane tuttavia nell’uso comune, sia in frasi di compatimento, sia, soprattutto, come epiteto offensivo. Ed è proprio in questa accezione che compare in “Pesto” di Calcutta». Se siete curiosi, c’è anche la spiegazione di «Uè».

 

Treccani e la musica indie, da Le Luci della Centrale Elettrica fino a Battiato

Ma non c’è solo Calcutta. C’è l’immancabile Tommaso Paradiso con i The Giornalisti, che regalano la scusa per imparare il significato di «Canaglia» (New York) e «Schiaffo» (Riccione) approfittandone per un piccolo ripasso di geografia. E ancora «Arpia» dei Verdena, «Strano» di Fabri Fibra, «Povertà» da Punk Sentimentale de Le Luci della Centrale Elettrica. Davvero c’è niente per tutti i gusti, dalle parole più strane fino alle più comuni, che spesso e volentieri sappiamo usare ma non sappiamo spiegare. Il vocabolario musicale comincia con Calcutta e attraversa Ghali, Coma Cose, persino Battiato. Le risposte del pubblico di Facebook sono entusiaste.

🎤Abbiamo un'anima lattina!"Anima" viene dal latino "anima" e dal greco "ἄνεμος" (che significa "soffio, vento")….

Gepostet von Treccani am Sonntag, 15. Juli 2018

🎤Ti dico ciao sopra ad un Ciao "Ciao" deriva dal veneziano "s-ciao", "s-ciavo" (schiavo), un saluto cerimonioso…

Gepostet von Treccani am Sonntag, 22. Juli 2018

🎤C'è chi si mette degli occhiali da solePer avere più carisma e sintomatico misteroLa storia di "carisma" viene da…

Gepostet von Treccani am Sonntag, 9. September 2018

 

Treccani non spiega solo la musica, ma la fa anche ascoltare

Parlare di musica è bello, analizzare i testi ancora di più, ma nulla batte l’ascolto. Treccani ha pensato anche a quello: tutte le parole che tanto incuriosiscono i follower della pagina su Facebook sono raccolte su una playlist del social musicale d’eccellenza, Spotify. Il profilo Treccani conta ancora poco più di 300 seguaci, ma si sa: la cultura è un po’ di nicchia. Conviene però schiacciare il “follow” per poter  ascoltare la lista con tutte le canzoni “spiegate”. Ammettiamolo: cantare Indie adesso ha tutto un altro sapore e valore.

(Credits immagine di copertina: uno dei post della Pagina Facebook Treccani)