Il Pd vuole dare 18mila euro ai 18enni per fare impresa o comprare casa

di Redazione | 24/10/2018

pd
  • Il Pd ha depositato in Parlamento, sia alla Camera che al Senato, un disegno di legge per dare 18mila euro ai 18enni

  • Il beneficio verrebbe concesso per avviare un'attività professione o di impresa, o per l'acquisto di una casa

  • Il capitale dovrebbe essere utilizzato entro i 35 anni di età

Chi ha detto che le grandi promesse dei politici arrivano solo in campagna elettorale? Il Partito Democratico ha appena depositato in Parlamento, sia alla Camera dei Deputati che al Senato, un disegno di legge che propone di affidare un capitale di 18mila euro ad ogni giovane al compimento del 18esimo anno di età da usare per avviare una attività professionale o di impresa, per aprire un mutuo casa, o per frequentare un corso universitario o post universitario.

LEGGI ANCHE > Il senatore M5S De Falco e la fronda contro il decreto sicurezza di Salvini

La proposta del Pd: 18mila euro ai 18enni per professione, impresa o mutuo

La proposta è stata presentata dai due capigruppo Pd, Graziano Delrio e Andrea Marcucci, e da Elena Bonetti, Massimo Ungaro, Simona Malpezzi, Anna Ascani e Mauro Del Barba. «Questa proposta – ha dichiarato l’ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio, capogruppo a Montecitorio – mette al centro i giovani, dandogli la possibilità di investire su se stessi, dandogli fiducia, dandogli non uno stipendio ma la possibilità di mettersi in gioco». Il capogruppo a Palazzo Madama Marcucci ha invitato la maggioranza «ad ascoltare» i Dem sulla loro iniziativa perché – ha detto – «non si può continuare ad abolire la parola futuro dalle politiche del governo».

Il ‘Credito Giovani’ da utilizzare entro i 35 anni

La proposta di legge è stata denominata ‘Credito Giovani‘ per valorizzare la volontà di «dar credito ai giovani e alle loro opportunità di vita», ha detto Malpezzi. In realtà i 18mila euro vengono concessi a fondo perduto – ha spiegato Ungaro – ad ogni ragazzo dal compimento dei 18 anni e il capitale può essere utilizzato entro i 35 anni. La platea dei beneficiari è costituita da tutti i cittadini italiani e dagli stranieri che abbiano conseguito l’obbligo formativo frequentando almeno 5 anni in scuole italiani, nonché da stranieri che acquistano la cittadinanza italiana entro i 19 anni. Oltre che per l’istruzione, l’acquisto della casa e l’avvio di una attività professionale o di impresa, il capitale viene concesso come aumento di capitale di rischio di piccole e medie imprese, per l’acquisto di pensioni a capitalizzazione o polizze vita, per il finanziamento di esperienze di volontariato all’estero.

Secondo il ddl l’Inps gestisce il beneficio ed eroga un importo aggiuntivo del 20% in caso di progetti sottoscritti da due o più beneficiari. «Uno dei mali della nostra società – ha poi detto Ascani – è la mancanza mobilità sociale, tema ignorato dalla Manovra del governo. Questa proposta dà la possibilità ai giovani di crescere».

(Foto di copertina da archivio Ansa: studenti durante l’esame di maturità 2018. Credit immagine: ANSA / GIORGIO BENVENUTI)