La consigliera M5S Frediani, il giornalista Iacoboni e il circolo di lettura «detrattore dei 5 stelle»

di Redazione | 16/10/2018

francesca frediani

Francesca Frediani, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Piemonte se la prende con il Circolo dei Lettori, reo, secondo lei, di assumere una linea antigrillina con i soldi dei cittadini piemontesi. Il Circolo dei Lettori è una realtà presente a Torino e Novara. Si tratta di una fondazione della Regione Piemonte che promuove la lettura con incontri, dibattiti, festival. Che hanno fatto? Nelle prossime settimane al Circolo ospiteranno Jacopo Iacoboni, giornalista de La Stampa che spesso ha sollevato scoop sul MoVimento, per il suo ultimo libro. Non solo: sarà ospitato anche Carlo Calenda (come ha fatto la Feltrinelli a Roma, ieri) che promuoverà il suo libro nella sede di Torino.

LEGGI ANCHE > La trollata di Di Maio: prima firma il condono e poi scrive «primo anno senza scudo fiscale»

In una lettera a Torino Oggi la consigliera vuole presentare una interrogazione all’assessore alla Cultura Parigi «chiedendo conto delle ultime scelte del Circolo anche per comprendere se si è trattata di una scelta da attribuire ai nuovi vertici del Circolo oppure ai passati amministratori».

«Circolo dei Lettori o dei detrattori del Movimento 5 Stelle? Una realtà – spiega Frediani nella lettera – pagata con i soldi dei cittadini piemontesi che fa propaganda politica a senso unico. E’ quanto verrebbe da pensare leggendo i prossimi eventi in calendario. Martedì 16 a Novara si terrà un evento per pubblicizzare il libro del giornalista Jacopo Iacoboni, il giorno seguente a Torino sarà la volta di Carlo Calenda, ex Ministro dei Governi Renzi e Gentiloni».

La posizione di Frediani ha sollevato alcune polemiche. Molti in rete si sono accorti di questa lettera, prendendo le difese del Circolo.

«Forse non ci siamo capiti: per me Iacoboni può scrivere e vendere (se ci riesce) tutti i libri che vuole. A me interessa il modo in cui viene gestito il Circolo Lettori ed è un tema che non ho sollevato certo adesso, come può verificare facilmente chiunque», ha twittato Frediani, dopo le polemiche sollevate.

(In copertina Frediani foto pagina Facebook)