Islamici e somari, come i giornali di destra vedono la prima protesta degli studenti contro il governo

di Redazione | 13/10/2018

giornali di destra

Il giorno dopo la protesta di molti studenti in diverse città italiane, i giornali di destra hanno attaccato duramente queste manifestazioni, definendo chi ha partecipato alle mobilitazioni come “islamico e somaro”.

LEGGI ANCHE > Barcone con 70 migranti in avaria al largo di Lampedusa: l’Italia prima si rifiuta di intervenire, poi fa marcia indietro

In particolare, sono stati Libero e Il Tempo a insistere su questi attacchi personali. Il primo ha utilizzato un titolo molto, troppo forte: “Studenti come gli islamici: bruciano i nemici“.

L’articolo è stato firmato da Renato Farina, il quale scrive: “In cinquanta città hanno scioperato e fatto casino 70mila studenti. Tanti? In Italia  a frequentare le scuole sono in 8,8 milioni: dunque ha marciato lo 0,79 per cento. Una miseria, un gruppuscolo. Gli striscioni che precedevano i cortei dicevano “Razzismo, repressione, zero investimenti. Quale cambiamento? Il culmine dell’espressività è stato raggiunto a Torino. Qui, “contro il governo dell’odio”, le avanguardie dell’amore hanno incendiato i manichini di Luigino Di Maio e Matteo Salvini. Dove avevamo visto di recente dare alle fiamme dei fantocci come simulacri di una morte desiderata per il nemico? L’ultima cerimonia simile la si è vista in tivù il 28 gennaio scorso. Dove attivisti politici palestinesi hanno impiccato nel campo profughi di Aida (Betlemme) fantocci che raffigurano il presidente Donald Trump ed il vicepresidente Mike Pence“.

Il Tempo, da canto suo, ha intitolato “Somari in piazza contro Di Maio e Salvini“, commentando così la manifestazione di venerdì 12 ottobre: “C’è una ritualità stanca che piomba in Italia, ogni autunno, ossia le manifestazioni studentesche “contro i tagli alla spesa pubblica”. Ci si può mettere la firma. A prescindere dal governo in carica, arrivano puntuali come le foglie cadenti. E mandano in scena cortei più o meno rumorosi, di volgarità trasudate da slogan gridati o scritti sugli striscioni, con il contorno d magari qualche petardo. In pratica, si tratta di un giorno di vacanza in rincorsa sul ponte di Ognissanti“.

(Foto credits: Ansa)

TAG: Italia