Scontri al confine Gaza-Israele: 6 palestinesi morti per la Marcia del Ritorno

di Gaia Mellone | 12/10/2018

La Marcia del Ritorno annunciata da Hamas lungo la barriera difensiva di confine tra Gaza e Israele ha avuto risvolti tragici. Sono morti 6 manifestanti palestinesi in totale, e i feriti sono 112, secondo quanto riportato dal ministero della Sanità della Striscia. Il numero però sembra destinato a crescere nelle prossime ore: pare che alcuni palestinesi stiano varcando il confine e attaccando i soldati israeliani.

Gli scontri sono cominciati nel primo pomeriggio quando, dopo la fine delle preghiere del venerdì nelle Moschee, i manifestanti palestinesi si sono avvicinati alla barriera difensiva, in occasione della Marcia del Ritorno che aveva convocato Hamas. Lungo il confine, le molte migliaia di palestinesi hanno cominciato a lanciare molotov (bottiglie incendiarie), palloni incendiari e diversi ordigni contro i soldati israeliani. Secondo quanto ha riportato la radio militare dello stato ebraico, alcuni manifestanti sarebbero anche riusciti a varcare il confine attraverso una breccia, entrando nel territorio israeliano: avrebbero fatto esplodere un ordigno a breve distanza dai soldati, per poi attaccarli. La radio locale assicura che il gruppo di «terroristi è stato ucciso» mentre i soldati sarebbero indenni, e definisce questi scontri come uno degli episodi più gravi avvenuti nella zona negli ultimi mesi.  L’emittente radiofonica riporta inoltre di diversi incendi nei campi del Neghev, tra cui alcuni anche dentro ad un kibbutz.

LEGGI ANCHE >Gaza. Il giornalista Kobi Meidan dichiara di vergognarsi di essere israeliano, ora rischia il licenziamento

(Credits Immagine di copertina (repertorio) :© Nidal Alwaheidi/SOPA Images via ZUMA Wire)