Conte e la frase sul concorso con Alpa: «Meglio tra amici che tra nemici»

di Redazione | 11/10/2018

conte concorso

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato intervistato da “Le Iene” a proposito del concorso con cui nel 2002 diventò professore ordinario all’Università. Il quotidiano La Repubblica sollevò alcune perplessità in merito alla presenza di Guido Alpa – amico di Conte – in quella commissione d’esame. Conte non si scompone e davanti ad Antonino Monteleone scherza: «Meglio tra amici che tra nemici».

LEGGI ANCHE > Il premier Conte ha rinunciato alla cattedra a La Sapienza? Sembrerebbe di no

«Guardi che io conoscevo anche gli altri quattro professori che mi hanno esaminato – ha aggiunto Conte – se uno fa ricerca per anni è impossibile non incontrarsi ai convegni, non scrivere anche delle cose insieme». In base al suo curriculum nel 2002 il premier avrebbe aperto con Guido Alpa uno studio legale dedicandosi al diritto civile, al diritto societario e fallimentare.
Ed è qui l’inghippo che sottolinea Monteleone nel servizio. Secondo il Consiglio di Stato un’eventuale collaborazione, anche non formalizzata, con degli interessi economici comuni farebbe scattare l’incompatibilità di Alpa come esaminatore di Conte. Il collega del presidente del Consiglio è stato raggiunto da Monteleone. Alpa ha minimizzato la questione specificando solo che lui e Conte erano meri coinquilini d’ufficio. Lo studio romano, su due piani, ha un unico numero per entrambi i legali. «Ma se non avete aperto uno studio legale, allora lei nel curriculum ha scritto una cazzata?», ha chiesto la Iena a Conte a fine servizio. Lui glissa ed entra a Montecitorio, chiudendo così: «Secondo lei in un curriculum dove mi hanno accusato di esser fin troppo preciso dovevo scrivere all’interno 1, all’interno 2?».