vitalizio Casellati
|

Il Senato verso il taglio dei vitalizi, ma intanto la Casellati «recupera» il suo

Una storia che ha del paradossale, raccontata dal Fatto Quotidiano. La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha vinto un ricorso contro lo stesso organo di cui è a capo. La seconda carica dello Stato, in pieno dibattito sull’abolizione del vitalizio (o meglio, delle pensioni per gli ex parlamentari), ha cercato di mettere al riparo una somma che, a quanto pare, le spetta. Si tratta cioè del vitalizio che la Casellati, in quanto ex parlamentare, aveva maturato dal 1994 e la cui erogazione era stata sospesa in concomitanza con il suo passaggio al Consiglio Superiore della Magistratura.

LEGGI ANCHE > Casellati a Bonafede: «Non le consento di offendere il Senato» | VIDEO

Vitalizio Casellati, il risarcimento

L’amministrazione del Senato, infatti, sosteneva che – visto che la Casellati aveva ottenuto l’elezione per questa nuova carica – non aveva diritto a percepire anche l’assegno di Palazzo Madama. Invece, dopo una lunga causa, il Consiglio di garanzia del Senato (che è uno degli organi di giustizia interno alla camera alta) le ha dato ragione, assegnandole di fatto la somma che aveva maturato dal 2014, anno della sua elezione al Csm.

Secondo i calcoli del Fatto Quotidiano – che non è però in grado di confermare la cifra, dal momento che dal Senato non trapela nulla in merito – la somma del risarcimento di Maria Elisabetta Alberti Casellati si aggirerebbe intorno ai 200mila euro, calcolando i 5mila euro mensili – tra periodo di calcolo retributivo e contributivo – che le sarebbero toccati dal 2014 a oggi.

Il 16 ottobre il Senato dovrebbe ricalcolare le pensioni degli ex parlamentari

La sentenza sarebbe arrivata lo scorso 5 settembre, ma i parlamentari che fanno parte del Consiglio di garanzia del Senato non avrebbero dato ulteriori indicazioni in merito, dal momento che sono tenuti a rispettare alcune clausole di riservatezza. La vicenda arriva alla vigilia del 16 ottobre, data in cui il Senato potrebbe avviare l’iter per il ricalcolo delle pensioni dei suoi ex componenti. Una sorta di beffa.

(Foto: ANSA / ALESSANDRO DI MEO)