Il fucile di Nathan Labolani aveva la matricola abrasa

di Redazione | 02/10/2018

Nathan Labolani

Dopo il dolore per la prematura scomparsa di Nathan Labolani, il 18enne di Apricale morto a causa di un colpo di fucile esploso da un cacciatore nel corso di una battuta tra Apricale e Pigna,, è il momento per gli investigatori di mettere insieme gli elementi che hanno portato alla tragedia. Anche perché, attualmente, il 29enne che ha colpito Nathan Labolani – che secondo le prime ricostruzioni si trovava dietro a un cespuglio – è indagato per omicidio colposo.

LEGGI ANCHE > Il diciannovenne ucciso da un cacciatore aveva il fucile senza aver conseguito il porto d’armi

Il fucile di Nathan Labolani aveva la matricola abrasa

Nella giornata di ieri, gli investigatori avevano accertato che il diciottenne fosse in possesso di un fucile, pur non possedendo il porto d’armi. Oggi, fonti investigative fanno emergere un ulteriore dettaglio: la matricola del fucile imbracciato da Nathan Labolani sarebbe stata abrasa. L’abrasione della matricola di un’arma – al fine di renderla irriconoscibile – ha chiaramente una conseguenza dal punto di vista legale.

Bisognerà comprendere, a questo punto, che ruolo abbia giocato l’arma in possesso di Nathan in tutta la vicenda e come questa circostanza possa incidere sull’esito delle indagini. Nello zaino che aveva con sé, inoltre, Nathan aveva circa una cinquantina di munizioni: anche quest’ultimo oggetto è stato sequestrato dagli inquirenti che stanno verificando tutte le possibili circostanze.

Domani l’autopsia sul corpo di Nathan Labolani

«Dicano tutta la verità – afferma il padre della vittima, Enea Labolani, comprensibilmente provato dalla scomparsa del figlio -. C’è un giallo che va chiarito. Come mai mio figlio è stato passato da parte a parte, ma il suo zaino non aveva una macchia di sangue?». Nathan Labolani è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco intorno alle 8.30 di domenica 30 settembre, mentre era in corso una battuta di caccia di due squadre dei comuni di Camporosso e di Perinaldo.

Ora, il pubblico ministero Luca Scorza Azzarà ha disposto l’autopsia sul corpo del diciottenne: l’esame verrà effettuato nel corso della giornata di domani dal medico legale Sara Lopinto di Genova.

[FOTO da profilo Facebook di Nathan Labolani diffusa dall’ANSA]