Perché Le Iene hanno assediato ingiustamente Pietro Castagna, figlio, fratello e zio delle vittime della strage di Erba

di Redazione | 30/09/2018

Le Iene delitto Erba

Il contenuto dell’intervista che andrà in onda questa sera, 30 settembre, lo hanno visto ancora in pochi. Giusto gli abitanti di Erba e qualche giornalista del posto, che lo ha subito anticipato sulle pagine della cronaca locale, tra cui La Provincia di Como. Le Iene hanno fatto una vera e propria intervista-assalto a Pietro Castagna, utilizzando domande come «Lo sa che ci sono due innocenti in carcere?» o «Come mai avete fatto sparire la Panda delle vittime subito dopo il delitto?».

LEGGI ANCHE > Olindo Romano e Rosa Bazzi: i sette reperti per la possibile riapertura del processo sulla strage di Erba

Le Iene delitto Erba, un lungo servizio innocentista

Insomma, il servizio che andrà in onda questa sera sembrerebbe sposare in pieno la pista innocentista nei confronti di Olindo e Rosa Romano, i coniugi che – nel corso di 12 processi e di un iter giudiziario lunghissimo – sono stati riconosciuti colpevoli da 26 giudici, che hanno comminato per loro l’ergastolo.

Come spiegato da Selvaggia Lucarelli in un lungo post qualche giorno fa, i tribunali televisivi sono sempre più affascinati dalla tesi innocentista, facendo leva anche sull’opinione di Azouz Marzouk, compagno di una delle vittime di Erba – che a causa sua aveva avuto contrasti con i fratelli Castagna – che, nel momento del processo in Cassazione, è diventato all’improvviso innocentista nei confronti di Olindo e Rosa.

L’origine delle tesi innocentiste sulla strage di Erba e le accuse a Pietro Castagna

Pietro Castagna è stato accusato di black humor nella descrizione della morte della madre, della sorella e della nipotina di due anni (avrebbe detto in una intecettazione «tra un po’ daranno la colpa alla Franzoni») ed è stato accusato di aver fatto sparire l’automobile delle vittime e di aver regalato la villetta della strage alla Caritas.

Peccato che sia stato lui stesso a spiegare che la macchina, così come la villa, era stata regalata alla Caritas perché il padre, marito, padre e nonno delle vittime, non sopportava più l’idea di poter abitare o utilizzare oggetti che gli ricordassero quella tremenda strage a cui lui riuscì a sfuggire. Tuttavia, l’opinione pubblica – al tempo dei social network (il delitto avvenne nel lontano 2005, quando Facebook e Twitter non erano diffusi in maniera capillare in Italia) – è pronta a cambiare opinione sul delitto. E per farlo non prende in considerazione un lungo e faticoso iter giudiziario, né rispetta la privacy di persone che hanno sofferto e soffrono ancora per la morte violenta dei loro cari.

FOTO:  MATTEO BAZZI / ANSA /DC