pagamento reddito cittadinanza
|

Il reddito di cittadinanza si potrà spendere soltanto con bancomat e app

Il sottosegretario all’Economia Laura Castelli rassicura che non ci sarà nessun effetto ghettizzazione, come avveniva – ad esempio – con la social card introdotta da Silvio Berlusconi. Il reddito di cittadinanza, infatti, potrà essere speso con il bancomat (e soltanto con quello) dell’avente diritto che, in questo modo, si vedrà tracciati i propri acquisti.

LEGGI ANCHE > I 10 miliardi per 6,5 milioni di persone previsti da Di Maio significano un reddito di cittadinanza da 128 euro a testa

Il pagamento del reddito di cittadinanza avverrà solo tramite bancomat

Ecco la misura assistenziale ai tempi del mondo digitale. A spiegarlo è proprio il viceministro Castelli al Fatto Quotidiano. Dal momento che il reddito di cittadinanza è una misura che punta a fornire un’assistenza ai più bisognosi, i circuiti dei negozi che potranno accedere al pagamento via bancomat sarà rappresentato soprattutto da esercizi commerciali di beni di prima necessità.

Il meccanismo, studiato insieme al team per la trasformazione digitale di Diego Piacentini e alla Bancamondiale, funzionerà così: gli esercenti riconosceranno e tracceranno l’acquisto attraverso un software apposito che si occuperà di scalare i soldi dalla cifra del reddito di cittadinanza che spetta al cittadino. In giornata, il commerciante riceve il pagamento e la somma spesa – contemporaneamente – verrà scalata dal totale. Il tutto senza alcuna possibilità di vedere materialmente i soldi di carta o le monete.

Pagamento reddito cittadinanza: app per gli affitti e le bollette

Ma allora, non è possibile pagare l’affitto con il reddito di cittadinanza? In fondo, anche questo è un bene di prima necessità. Stesso valga per le bollette e le varie spese energetiche. Tuttavia, assicurano da via XX Settembre, il team digitale si occuperà anche di questo: per utilizzare in questo modo il reddito di cittadinanza, infatti, saranno predisposte delle apposite app che permetteranno all’utente di poter effettuare i pagamenti desiderati.

Verrà da chiedersi se questo modo utilizzato per la spesa del reddito di cittadinanza non andrà a penalizzare gli eventuali beneficiari che abbiano poca dimestichezza con gli strumenti digitali. In ogni caso, dal ministero, sembrano decisi a percorrere questa strada.

Se spendi di più, avrai un incentivo sul prossimo reddito di cittadinanza?

Ma qual è la ratio che sta dietro a questo metodo di pagamento? Innanzitutto, la necessità che il reddito di cittadinanza venga speso, che venga applicata l’Iva sugli acquisti fatti con la somma destinata alla misura previdenziale e poi che non venga utilizzato per determinati acquisti (come, ad esempio, quello dei gratta e vinci o delle giocate al lotto). Sempre il sottosegretario Laura Castelli fa sapere al Fatto Quotidiano che «verranno esclusi alcuni circuiti da questo sistema di pagamento: ci assicuriamo che il reddito di cittadinanza non venga utilizzato, per intenderci, per scommettere».

Infine, ecco arrivare anche un’altra sorpresa, quella cioè dell’incentivo alla spesa. L’idea di partenza è quella di aumentare il reddito di cittadinanza del 4% se viene spesa una somma che può essere il 75% o l’80% di quella prevista per ciascun beneficiario. Oppure, ipotesi più probabile vista la carenza delle coperture, decurtare del 4% la somma del reddito di cittadinanza se queste percentuali di spesa non saranno raggiunte.