La Regina del Belgio colpita da ictus a Venezia

di Enzo Boldi | 26/09/2018

Regina Paola

La regina Paola del Belgio è stata colpita da ictus nella notte mentre si trovava a Venezia. La moglie di re Alberto è stata ricoverata d’urgenza nell’ospedale della laguna dove è tenuta sotto osservazione. In un primo momento si parlava di condizioni gravi e critiche, ma nelle ultime ore la situazione dovrebbe esser tornata nella normalità. Oggi pomeriggio è previsto il volo di rientro per il Belgio, dove proseguirà le sue cure.

LEGGI ANCHE > Belgio, la spiaggia per nudisti vietata perché disturberebbe le allodole

La donna, 81 anni compiuti lo scorso 11 settembre, si trovava a Venezia in visita privata quando, nella durante la notte, ha avuto un malore. Immediata la chiamata al 118 che ha prestato le prime cure alla regina prima di portarla d’urgenza in ospedale. La regina Paola è rimasta stata sempre cosciente, è stata sottoposta a Tac e agli altri esami di rito e trasferita al reparto di neurologia e tenuta sotto osservazione per tutto il tempo. Dai primi accertamenti, sembrerebbe che la paziente abbia avuto un problema vascolare transitorio.

La Regina Paola si era già sentita male in Italia nel 2015

La situazione, al momento, pare essere sotto controllo e già oggi pomeriggio sono previste le dimissioni e il ritorno a Bruxelles per un ricovero in un ospedale belga. La Regina soffre da anni di problemi di salute e già durante un’altra vacanza italiana, nel 2015, era stata vittima di un attacco di aritmia cardiaca. In seguito ha subito diverse fratture: prima si e’ rotta una vertebra nel 2016, poi un’anca nel 2017.

Regina Paola, il comunicato del Palazzo Reale del Belgio

Arrivano conferme sullo stato di salute della Regina Paola anche dal Palazzo Reale del Belgio che tranquillizza sulle condizioni della donna dopo il malore che l’ha colpita nella notte: «In seguito a un problema di salute, Sua Maestà la regina Paola sarà rimpatriata in Belgio nel corso della giornata per sottoporsi a esami medici».

(foto di copertina:  Laurie Dieffembacq/Belga via ZUMA Press)