Pacco sospetto in via Fani, a pochi passi dalla lapide di Aldo Moro: allarme rientrato

di Redazione | 26/09/2018

pacco bomba via Fani

La grande paura a Roma, in uno dei suoi luoghi simbolo. Un sospetto pacco bomba in via Mario Fani è stato rinvenuto questa mattina, a pochi passi dalla lapide che ricorda Aldo Moro. La strada, infatti, è la stessa dove, quarant’anni fa, venne rapitol’ex presidente del Consiglio della Democrazia Cristiana, il 16 marzo 1978. La strada è stata chiusa e la linea 990 dell’Atac è stata deviata sulla via Trionfale.

In giornata, l’allarme è rientrato: il pacco non era altro che una cintura in cuoio che presentava degli agglomerati di carta ai suoi lati. Non è ancora chiaro se l’oggetto sia stato abbandonato lì di proposito o se qualcuno l’abbia semplicemente perso.

LEGGI ANCHE > «A morte le guardie», a Roma la lapide di Aldo Moro imbrattata dalle svastiche

Pacco bomba in via Fani? Le verifiche degli artificieri

Al momento sono in corso le verifiche degli operatori e degli artificieri, che stanno operando con il robot. La richiesta d’intervento al numero per le emergenze è arrivata alle 8.30 di questa mattina. Sul web stanno circolando già le prime immagini dell’intervento delle forze dell’ordine che, con gli appositi mezzi, stanno cercando di capire quanto concreto sia l’allarme bomba.

Già le prime indiscrezioni parlavano di un qualcosa di molto simile a una cintura di cuoio con degli involucri di carta, una sorta di possibile cinturone esplosivo. In ogni caso, soltanto al termine dell’intervento si è avuta la certezza di come ci sia stato un malinteso.

L’allerta, comunque, era massima perché negli ultimi mesi, c’era stato anche un altro episodio intimidatorio, avvenuto sempre nei pressi di un monumento dedicato ad Aldo Moro: il 22 marzo 2018, a pochi giorni dall’anniversario del rapimento dello statista, proprio la lapide in via Fani era stata presa di mira, imbrattata da scritte con la sigla delle Brigate Rosse.

TAG: via Fani