Cade un cartellone stradale, tragedia sfiorata a Nola (Napoli) | VIDEO

di Enzo Boldi | 25/09/2018

Poteva andare molto peggio di quanto poi è stato. Il forte vento che ha colpito nella notte e nella mattinata la Campania hanno fatto crollare un grosso cartellone stradale sulla variante 7bis Statale Villa Literno all’altezza dello svincolo dell’A1 direzione Nola. Per fortuna nessuna automobile è stata colpita, ma quel tratto stradale è rimasto chiuso per diverse ore, con la situazione che ancora non è tornata alla normalità. Fosse successo qualche ora dopo il bilancio sarebbe potuto essere molto più pesante, su una strada dopo – soprattutto in orario lavorativo – si generano spesso lunghe code.

LEGGI ANCHE > Nola (Napoli), incendio alla sede del Pd. «Atto doloso, non ci fanno paura»

La strada, alle sei di questa mattina, era già molto trafficata. Le forti raffiche di vento che stanno sferzando la Campania da ieri sera hanno così provocato la caduta di quel maxi-cartello stradale che indica a 700 metri lo svincolo A1 nel territorio di Caivano. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, le forze dell’ordine e il personale di Anas che stanno provvedendo alla rimozione di quel che resta di quel cartellone.

Nola e la Campania sferzate dai forti venti

Il maltempo che ha colpito la Campania in queste ore, con fortissime raffiche di vento, era previsto da giorni. La Protezione Civile aveva diramato già da ieri l’allerta meteo che proseguirà fino alle 20 di domani. Alberi caduti in strada e macchine schiacciate (anche in questi casi, fortunatamente, senza feriti), hanno creato qualche disagio alla circolazione a Napoli e nelle zone limitrofe.

Sospesi anche i collegamenti con le isole

Penalizzati dal forte vento anche i trasporti via mare, con diverse navi che della tratta Pozzuoli-Procida, alcune in direzione Sorrento e altre che collegano Napoli alle isole di Ischia e Capri che sono state cancellate. Troppo alte le onde in mare aperto per procedere in sicurezza con i trasporti marittimi.

(foto di copertina: da Ansa – video da profilo Facebook di Beniamino Primicerio)

TAG: Nola