Asia Argento parla in esclusiva con il Daily Mail tv del suicidio di Bourdain. «X factor mi ha salvato la vita»

di Gaia Mellone | 24/09/2018

Asia Argento rompe il silenzio in cui si era chiusa dopo il suicidio del fidanzato Anthony Bourdain con un‘intervista esclusiva con il DailyMailTV.

Parlando con la giornalista Laura Collins, Asia non evita nessun argomento: dal suo rapporto con Bourdain fino alle accuse di essere responsabile del suo suicidio. Parte dell’intervista, quella in cui discute apertamente delle accuse di violenza sessuale mosse nei suoi confronti da Jeremy Bennet, che ha parlato con Massimo Gilletti per la prima volta, verrà trasmessa il giorno seguente.

LEGGI ANCHE >Jeremy Bennett parla delle accuse verso Asia Argento: «Volevo gestirla privatamente»

Asia Argento rompe il silenzio con il Daily Mail, «Un vuoto che non può essere riempito»

Asia Argento e Anthony Bourdain hanno avuto una relazione lunga due anni. Asia racconta che la sua prima reazione alla notizia del suicidio del compagno è stata di rabbia. «La rabbia mi ha anche tenuto in vita, altrimenti questa disperazione non avrebbe fine. Non ha mai fine, mi perseguita» racconta l’attrice tra le lacrime. Racconta che la rabbia era dovuta alla sensazione di abbandono «per me e i miei figli», colpiti duramente dalla sparizione improvvisa di Bourdain.È la prima volta che Asia racconta il rapporto che il compagno aveva con i suoi figli, e dice che erano tutti molto uniti e vicini. «Ero arrabbiata si, perché aveva abbandonato me, i miei figli – continua Asia – adesso però la rabbia è stata sostituita da una sensazione di vuoto..questa perdita, questo vuoto…nulla può colmarlo» continua visibilmente provata ed emozionata.

Alla notizia del suicidio di Bourdain, l’opinione pubblica aveva colpevolizzato l’attrice, paparazzata con Hugo Clément, giovane e famoso giornalista francese. «Siamo sinceri, anche lui mi aveva tradito. Non era un problema nella nostra relazione» ha dichiarato ai microfoni del Daily Mail Tv «Era un uomo che viaggiava moltissimo, più di 200 giorni l’anno. Quando ci vedevamo, godevamo del tempo insieme, ma non siamo ragazzini». «Anthony non era il tipo di persona che commetterebbe un gesto così estremo per un motivo del genere – aggiunge Asia – la mia vera colpa è non aver capito e non aver visto il dolore che si portava dentro, e non me lo perdonerò mai».

Asia Argento rompe il silenzio con il Daily Mail, «X Factor mi ha salvato la vita»

Asia racconta di aver avuto grandi difficoltà a gestire le sue emozioni e la sua rabbia dovute al dolore per la perdita del compagno, alla pressione per la sua denuncia contro Weinstein e alla gogna pubblica a cui è stata sottoposta in Italia. Poi, arriva la proposta da Sky: diventare giudice di X Factor. Un’opportunità che Asia ha accettato immediatamente, per riprendere il controllo di se stessa e della sua vita. «Non sapevo cos’altro fare – racconta – Quando mi trovavo su quel palco, ad ascoltare della musica per ore,  riuscivo a concentrarmi su ciò che stavo facendo e non sul mio cuore spezzato».  Partecipare come giudice a Xfactor le ha «letteralmente salvato la vita, e per questo ne sarò grata in eterno». Un’esperienza che si è però bruscamente conclusa dopo che Asia è stata accusata di violenza sessuale da Jimmy Bennet. Sebbene ancora non sia stato provato quale sia la verità, Sky ha rimosso Asia dall’incarico a pochi giorni dalla messa in onda delle audition, «di comune accordo». L’attore intanto, che all’epoca della presunta violenza era ancora minorenne, ha raccontato la sua esperienza per la prima volta in televisione nello studio di Non è l’arena di Massimo Giletti, dove è stato palesemente ridicolizzato.

LEGGI ANCHE >La reazione della madre di Asia Argento all’intervista a Jimmy Bennett da Giletti

Il Daily mail fa sapere che Asia ha discusso anche questo tema durante la lunga intervista, ma che sarà parte della seconda “puntata” che andrà in onda martedì. In quell’occasione, Asia parlerà an che del suo rapporto con Rose McGowan, la ex-amica che insieme a lei è diventata volto del movimento #metoo e della lotta alle violenze sul lavoro nata a seguito dello scandalo che aveva coinvolto il produttore cinematografico Harvey Weinstein.

(Credits immagine: dal tweet video condiviso da DailyMailTV)