Un pezzo d’Italia che se ne va: il gruppo Versace verso gli Usa. In campo Tiffany e Michael Kors

di Redazione | 24/09/2018

versace

Un pezzo d’Italia, una grande azienda simbolo del made in Italy, potrebbe presto lasciare la penisola. Potrebbe essere arrivato infatti il momento del passaggio di mano del gruppo di moda e abbigliamento Versace, fondato a fine anni’70 da Gianni Versace. Stando ad indiscrezioni di stampa per l’acquisto della casa, dopo le voci circolate la scorsa settimana, ci sarebbe in campo un nome americano come il gruppo di moda Michael Kors, già protagonista due anni dell’acquisto delle scarpe Jimmy Choo, ed anche il brand di gioielli più famoso al mondo, Tiffany & Co, pronto a valorizzare il marchio della Medusa 2 miliardi di dollari, pari a 1,7 miliardi di euro. Prima era interessata pure la francese Kering.

Il gruppo Versace verso gli Stati Uniti, per 2 miliardi di dollari: domani l’annuncio?

Non è certo che si arrivi alla firma e dunque alla conclusione della trattativa ma viene indicata nei prossimi giorni. Secondo alcune voci già domani potrebbe arrivare un annuncio da parte di Donatella Versace. Il gruppo Versace è presieduto da Santo VersaceDonatella invece ne è vicepresidente e direttore creativo. Allegra Versace Beck, la figlia di Donatella, è l’azionista di controllo dell’azienda. Sotto il marchio principale vengono distribuite diverse linee di abbigliamento e altri marchi. L’azienda conta circa 80 boutique monomarca in tutto il mondo. Contattata dalla France Press, Donatella Versace non ha voluto commentare i rumors sul passaggio di mano del gruppo. L’azienda attualmente è per il 20% in mano al fondo americano Blackrock e il resto alla famiglia. Il giro d’affari, nel 2016, è stato pari a 686 milioni di euro.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / FLAVIO LO SCALZO)