Uber si sta per pappare Deliveroo

di Gianmichele Laino | 21/09/2018

uber compra deliveroo

Com’è noto, da diverso tempo Uber sta cercando di diversificare la propria attività, in attesa dell’arrivo a Wall Street e della sua prossima quotazione in borsa. Già attivo, ad esempio, da diverso tempo il servizio Uber Eats, che riguarda le consegne a domicilio: questa particolare attività del colosso della condivisione del trasporto – che tanti problemi ha creato ai tradizionali taxi di tutta Europa – è particolarmente diffusa negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE > Uber, arriva la svolta: i casi di violenza sessuale andranno in tribunale

L’indiscrezione di Bloomberg: Uber compra Deliveroo

Tuttavia, nel Vecchio Continente – per cercare di entrare in questa sorta di filiera – Uber avrebbe puntato un servizio di ristorazione a domicilio particolarmente famoso e attivo. E sarebbe pronta a comprarlo. Il servizio in questione è Deliveroo, noto per i suoi cubi verde-acqua che sfrecciano sulle spalle di riders a piedi, in bicicletta, in motorino. O, a volte, sui mezzi pubblici.

Secondo una indiscrezione fornita dall’agenzia economica Bloomberg, Uber sarebbe pronta ad acquistare Deliveroo. Un’operazione miliardaria, dal momento che l’ultima valutazione del servizio di trasporto a domicilio (che funziona tramite app) può essere quantificata in due miliardi di dollari. La svolta di Uber rappresenterebbe una vera e propria dichiarazione di guerra in questo settore: dopo aver dominato il mercato statunitense (Uber Eats ha raccolto investimenti per quasi mezzo miliardo di dollari), sono pronti a conquistare anche l’Europa.

Uber compra Deliveroo? Riserbo sulla trattativa

E chissà che accoglienza verrà loro riservata, dopo tutte le polemiche riguardanti la loro applicazione. In ogni caso, al momento, c’è molto riserbo sulla trattativa. Né Uber, né Deliveroo hanno voluto commentare la notizia ed è lo stesso report di Bloomberg ad affermare che, alla fine, la trattativa potrebbe anche concludersi con un nulla di fatto.

(Credit Image: © Philippe CléMent/Belga via ZUMA Press)

TAG: Deliveroo, Uber