Roberto Burioni vuole Rovazzi come testimonial pro vax

di Enzo Boldi | 18/09/2018

Burioni Rovazzi

La strana coppia Burioni Rovazzi come testimonial della battaglia pro vax. Il famoso virologo, star dei social per le sue risposte e la sua dura presa di posizione contro i no vax, in una lunga intervista a Il Giornale ha indicato il cantante milanese come la figura ideale per poter diffondere il suo messaggio sull’utilità e l’indispensabilità dei vaccini.

LEGGI ANCHE > La polemica per il tweet di Burioni sulle «donne brutte»

«Mi farebbe piacere fare una campagna a favore dei vaccini con Fabio Rovazzi, perché mia figlia lo adora e lo ascolto anche io», ha spiegato Burioni a Il Giornale. E poi fa un paragone abbastanza impegnativo: «Il gesto che ha avuto più impatto sulla sanità pubblica mondiale è stato Elvis Presley, che si è fatto vaccinare in diretta tv contro la poliomelite». Dopo il gesto della star della musica americana, infatti, le coperture salirono vertiginosamente e molte più persone si vaccinarono.

Burioni Rovazzi, la strana coppia per la battaglia pro vax

Tra i personaggi pubblici a cui aveva chiesto appoggio, Burioni ha trovato spesso e volentieri alcuni restii ad imbarcarsi in una battaglia che, soprattutto sui social, li avrebbe potuti rendere impopolari. «In passato – spiega il medico – alcune persone del mondo dello spettacolo si sono dimostrate titubanti. Sarebbe, però, bello che tutti prendessero esempio dal capitano della Nazionale italiana di pallavolo Ivan Zaytsev, che ha vaccinato la figlia e ha pubblicato la foto sui social».

Burioni sogna il supporto di Salvini

Il prossimo passo se lo aspetta da un esponente del governo, una figura pesante all’Interno dell’Esecutivo: «Ho saputo che a Matteo Salvini è nato un nipotino. Sarebbe bello che lo facesse vaccinare e dicesse in pubblico che lo ha fatto». Un’utopia? Forse, ma da Salvini – che è già in rotta con i 5 Stelle su altri temi – ci si può aspettare di tutto. Per il momento, però, Burioni punta sul Rovazzi perché, in fondo, lui è l’emblema del «Faccio quello che voglio».

(foto di copertina: ANSA/FLAVIO LO SCALZO + ANSA/ETTORE FERRARI)