Stefano Accorsi e la pizza: «Un bel modo per godere delle Bellezze d’Italia»

di Gaia Mellone | 12/09/2018

stefano accorsi risponde pizza san marco

Stefano Accorsi ci ha messo un po’ a rispondere sul caso “Pizza a San Marco” che lo aveva portato al centro delle polemiche per aver mangiato un trancio seduto nella piazza simbolo di Venezia ancora in abito da red carpet. Con un post su Facebook l’attore risponde alle accuse, con la stessa eleganza con cui mangiava il trancio incriminato.

LEGGI ANCHE >Galeotto fu il trancio di pizza: Stefano Accorsi «cattivo esempio»

Stefano Accorsi e la pizza, «Non ho sporcato, e mi sono attenuto al galateo»

«Leggo un po’ dovunque che questa foto ha creato una polemica»  scrive l’attore, che nel post condanna il «il turismo selvaggio di chi butta rifiuti per terra, si fa il bagno nelle fontane e getta i mozziconi ovunque». Non si tratta però del suo caso perché «se alle 2 passate di notte l’unico posto aperto è una pizzeria (che fa un’ottima pizza) e uno se la mangia sui tavolini di un locale (pubblico) chiuso, in una delle piazze più belle del mondo, non mi sembra che sia mancanza di rispetto o di decoro. Anzi, mi sembra un bellissimo modo di godere della Bellezza d’Italia». Stefano Accorsi ci tiene a far sapere che ha buttato «il cartone della pizza nell’apposito cestino», da bravo turista si affamato ma educato. Insomma, tutta questa tarantella per una fetta di pizza «Forse è solo perché l’ho mangiata in smoking e con le mani? – ironizza Accorsi – Chiedo venia, però… mi sono attenuto al Galateo😃». I suoi fan gli danno man forte: c’è chi scrive che la foto sintetizza le bellezze del nostro paese mostrando «Eleganza, buon cibo e arte», mentre altri suggeriscono di usare la foto «come pubblicità per l’ente turistico italiano… spettacolo». Un sostegno che l’attore ha davvero gradito, tanto che nelle sue stories dice:«Pizza pagata per tutti!!». E allora, ben venga il galateo, e viva la pizza in piazza. Soprattutto se con Stefano Accorsi. 

(Credits immagine di copertina: entrambe prese dal profilo Facebook di Stefano Accorsi)