Niente più cellulari alla Casa Bianca: Trump soffre di paranoie di persecuzione

di Gaia Mellone | 11/09/2018

Stop ai cellulari nella casa bianca, il presidente Trump non vuole più essere spiato

Una nuova policy è stata attivata alla Casa Bianca, e prevede il divieto per lo staff di usare i cellulari. Non basterà più lasciare i telefoni personali negli armadietti, non si devono proprio avvicinare alle mura della Situation Room. Il divieto vale anche per quelli dati in dotazione propio dalla White House.

Niente cellulari nella Casa Bianca, la paura del Presidente di essere spiato

Il motivo è la mania di persecuzione del Presidente Donald Trump, che ormai ha il terrore di venire spiato. A bene vedere, non si può dire che abbia tutti torti. Le nuove regole erano state messe in atto già dopo lo scandalo Omarosa, quando l’ex collaboratrice divulgò file audio registrati proprio nella Situation room mentre Trump la licenziava. Come se non bastasse, l’editoriale anonimo del New York Times ha aperto uno spiraglio tra le porte della Casa Bianca, lasciando spiare al mondo un presidente irascibile, volubile, in preda a scatti d’ira.

LEGGI ANCHE >L’editoriale anonimo del NyT racconta di una “resistenza interna silenziosa”. Trump chiede la testa della talpa

Niente cellulari nella Casa Bianca, Trump vs Woodward

Trump il suo cellulare invece lo usa dalla sala ovale, eccome. Sopratutto l’applicazione di twitter. Non è una novità che The Donald usi i tweet come conferenze stampa virtuali, e anche questi giorni non hanno fatto eccezione. Nel libro del giornalista  Bob Woodward Fear: Trump in the White House” sono riportate delle frasi del Presidente, che confermano i retroscena anticipati anche dal New York Times, ovvero quello di continua battaglie nella sala ovale e di un presidente incapace e «folle».  Frasi che però il Presidente non riconosce affatto come proprie.

«Il libro di Woodward è una truffa» scrive su twitter Donald Trump aggiungendo «io non parlo nel modo in cui sono citato. Se lo facessi non sarei stato eletto Presidente». Le frasi a lui attribuite nel libro inchiesta del giornalista firma di punta del Washington Post, continua Trump, sono state «create apposta. L’autore usa ogni trucco nel libro per sminuire e svilire». Il ritratto dipinto dal giornalista insomma non risponderebbe alla realtà e The Donald c i tiene a rassicurare il popolo americano:«Spero che le persone possano vedere le cose come stanno realmente- e la nostra nazione sta andando alla GRANDE!».

(Credit Immagine di copertina: © Donald Trump/Russian Look via ZUMA Wire)