La bufala (rilanciata da Salvini) della Boldrini che fonda il nuovo partito ‘Sifilide’

di Gianmichele Laino | 03/09/2018

bufala partito sifilide

Chiariamo un paio di cose. Innanzitutto, Laura Boldrini non ha intenzione di fondare un nuovo partito. Men che meno un partito il cui acronimo corrisponda alla traduzione inglese di ‘sifilide‘. Eppure, da questa mattina, sta circolando in rete una falsa notizia – pubblicata da Il Giornale e ripresa da Libero – che nella giornata di oggi è stata condivisa sui suoi account social (con la solita ironia) dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

 

LEGGI ANCHE > La top 10 delle bufale su Laura Boldrini | VIDEO

 

La bufala del partito ‘Sifilide’ della Boldrini, cosa è successo

I fatti. I quotidiani che hanno la destra come area di riferimento hanno interpretato male un tweet lanciato dall’ex presidente della Camera e deputata di Liberi e Uguali. All’interno, veniva espresso un pensiero di Laura Boldrini, un appello all’unità della sinistra – del resto, non è la prima volta che l’ex presidente della Camera si spende per la causa – in vista delle prossime elezioni europee. Ecco il tweet in questione:

 

 

Insomma, #ListaUnitariaEuropea è soltanto un hashtag che sintetizza – seguendo i canoni del social network dei cinguettii e dei 280 caratteri – il pensiero della deputata di LeU, che ha chiesto semplicemente a tutte le forze progressiste di rinunciare ai propri simboli e di presentarsi sotto le stesse insegne all’appuntamento elettorale del 2019.

La condivisione di Salvini sui social

Nessun nuovo partito, dunque. Inoltre, anche la storia della «sifilide» è stata strumentalizzata ad arte. Il Giornale sottolinea che l’acronimo di Lista Unitaria Europea sarebbe «LUE», ovvero «peste, sifilide» in inglese. Da qui, quindi, la facile ironia sul nuovo (presunto) movimento politico e su tutto ciò che ne deriva. L’articolo non poteva non essere condiviso dal team che cura i social network di Matteo Salvini, con tanto di emoticons e di lancio «spiritoso».

 

 

Ovviamente, anche Laura Boldrini ha voluto rispondere alla condivisione di Matteo Salvini: «Sei Ministro dell’Interno e condivi bufale – ha scritto la deputata di LeU su Twitter -. Ho proposto una lista unitaria dei progressisti per le elezioni europee. Non si tratta di un partito e non ho indicato nomi per la lista. Sei tu che vuoi dare un nuovo nome alla Lega, per non restituire i 49 milioni che avete intascato».

Vale appena la pena ricordare che – messaggio a tutti i naviganti sul web -, prima di condividere una notizia, bisogna verificare la fonte e misurare la sua veridicità. A maggior ragione, l’uomo politico – e ancor di più una figura istituzionale come il ministro dell’Interno – dovrebbe stare più attento a utilizzare i social network, in modo tale da dare l’esempio ai cittadini. Anche oggi, invece (e non è la prima volta che accade), Matteo Salvini è caduto nella rete della bufala e della notizia non verificata.Il tutto, in nome di una propaganda che sta diventando sempre più stucchevole e lontana dai veri problemi del Paese reale.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: Valeria Ferraro / SOPA Images via ZUMA Wire)